Tracce

Il mio tentativo per ricevere e dare informazioni utili.

I miei “Credo” – secondo

Posted by giannigirotto su 13 gennaio 2009

Credo che l’energia sia potere. Chi detiene/gestisce le fonti di energia, detiene/gestisce il potere. Che si tratti di energia elettrica per la luce, gli elettrodomestici e le macchine industriali, che si tratti del gas per cucinare, che si tratti del carburante per le auto, i camion, i trattori, i treni, gli aerei, tutto richiede energia. Nel mondo una grande fetta di energia si ricava dal petrolio, e la produzione/distribuzione dello stesso è per lo più nelle mani di solo 5 (cinque) grandi multinazionali, le cosidette “cinque sorelle“: ExxonMobil, Royal Dutch Shell, British Petroleum (BP), ChevronTexaco e Gulf Oil (in buona parte però già confluita nella Chevron). Credo non occorra essere grandi esperti economisti per capire che un simile oligopolio non vada a favore del consumatore. Oligopolio che si ripete anche per le altre due importanti fonti di produzione, il nucleare e l’idroelettrico. In nome del petrolio prima, e del metano più recentemente, per garantirsene il possesso/gestione, sono cambiate intere strategie ed alleanze internazionali. Intere nazioni sono ostaggio delle società che gestiscono l’estrazione e la commercializzazione di queste immense fonti di guadagno. 

Credo che affrancarsi dalla schiavitù del petrolio/metano significhi non solo migliorare la nostra condizione economica, ma anche eliminare uno dei maggiori motivi di sopraffazione tra popoli; se infatti domani nessuno consumasse più tali prodotti, le grandi multinazionali che li controllano perderebbero ogni interesse a controllare/influenzare la politica del Paese in cui tale prodotto si trova. O credete forse che in tali Paesi siano i cittadini a controllare la politica? come ad esempio in Iraq? ed oltre al controllo dell’acqua perchè Israele attacca la Palestina? e perchè la Russia attacca la Georgia? e naturalmente si potrebbe continuare a lungo….. 

Ecco perchè va incentivata al massimo la produzione di energia dal sole, dal vento nonchè la geotermica, o lo sfruttamento delle correnti marine e/o del moto ondoso, o qualsivoglia altra fonte veramente rinnovabile e non inquinante. Mi permetto pertanto di inserire il link di INNESCO, la Esco creata da Banca Etica che opera nel settore dell’energia con questi presupposti.

3 Risposte to “I miei “Credo” – secondo”

  1. […] critico……Non siete ancora convinti? leggete allora anche qui, qui, qui, qui, qui, qui e […]

  2. sgiuzzo said

    …“cinque sorelle“: ExxonMobil, Royal Dutch Shell, British Petroleum (BP), ChevronTexaco e Gulf Oil (in buona parte però già confluita nella Chevron)…

    scusa ma nel link di wikipedia non dice così…o mi sbaglio? 🙂

    comunque bell’articolo.

    ciao

    .

    • giannigirotto said

      Ehm, ho messo quel link di wikipedia perchè nell’immaginario collettivo è rimasto il neologismo coniato ai tempi di Mattei, l’idea appunto delle “sette sorelle”, ma leggendo bene la lista riportata in tale articolo vedi che c’è scritto che alcune compagnie sono confluite in altre, fondendosi tra loro, e quindi ad oggi ne sono rimaste 5, appunto quelle che elenco nell’articolo …. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: