Tracce

Il mio tentativo per ricevere e dare informazioni utili.

Banche del Tempo: siamo tutti più ricchi!

Posted by giannigirotto su 3 dicembre 2009

Ho già dedicato un breve articolo sull’argomento un paio di mesi fa, ma credo sia opportuno dire ancora qualcosa.

In questi tempi in cui arrivare a fine mese è sempre più difficile, ed altrettanto lo è coltivare dei buoni rapporti sociali e di amicizia, ecco che la Banca del Tempo può diventare una notevole risorsa su entrambi i fronti.

In fondo la BdT non è altro che una riproposizione in chiave organizzata di quello che “una volta” si faceva spontaneamente tra vicini e compaesani e fra parenti……io vengo a darti una mano ad erigere uno steccato, e tu me la rendi durante la vendemmia, io vengo a sistemarti una porta che si incastra, e tu mi rammendi un paio di pantaloni…..e così via….

Con la BdT ora questo scambio diventa maggiormente organizzato e geograficamente più esteso, e quindi la varietà di favori, competenze e disponibilità a cui si può attingere sono di conseguenza maggiori….

Se è quindi vero che ogni famiglia, ognuno di noi, può ricavarne un beneficio pratico immediato (e vi sembra poco?), secondo me il vero valore aggiunto rimane quello relativo allo sviluppo di un tessuto “sano” di relazioni, al non chiudersi in noi stessi, anche al non considerare sempre l’acquisto di beni materiali o servizi come unica soluzione ad un’esigenza…..

Se infatti le BdT riescono a trovare degli spazi per incontri collettivi, ecco come possono far nascere una serie di rapporti con persone disponibili a mettersi in gioco, a relazionarsi con gli altri, e questi altri sono in genere persone che hanno una sensibilità ed oserei dire una bontà tipiche del mondo del volontariato…..

Ecco quindi che le BdT diventano un ulteriore baluardo contro quella “civiltà dell’usa e getta” che imperversa intorno a noi. Sapere che invece di buttare un paio di pantaloni ho una “correntista” disposta a rammendarmeli, che invece di buttare la lavatrice c’è un socio molto bravo a ripararla, sapere che vi sono socie disposte ad insegnare la nobile arte culinaria piuttosto che l’arte dello stiro, piuttosto che fare la marmellata, o che c’è un’infermiera disposta a farti al tuo domicilio le iniezioni o i famigerati prelievi del sangue che altrimenti ti portano via mezza mattinata…….

Insomma diventare soci di una BdT (operazione peraltro a costo zero o comunque molto basso) significa da un lato accrescere la propria rete relazionale in maniera più che positiva, e dall’altro a contribuire a diminuire quella crescita “fasulla” basata sul continuo acquisto di beni di consumo, dal momento che viceversa si utilizzano beni e servizi che sono oggetto di mero “scambio” e non di vendita.

Un ultimo accenno per un argomente assolutamente importante, e cioè la vera uguaglianza che si determina tra i correntisti di una BdT; che il socio sia un avvocato o un pensionato o una casalinga o un infermiera (come succede a Maserada nella BdT di cui sono socio), nessun servizio è più importante di un altro, un ora di tempo è un ora di tempo, sia che sia stata dedicata a preparare la marmellata, che a fare istruzione sulla creazione di un sito Internet, che a stirare le camice o tinteggiare una parete, a prescindere da chi tu sia e quale professione svolgi nella vita di tutti i giorni…..totale uguaglianza…..

Di questi tempi vi sembra poco….??

Bookmark and ShareGianni Girotto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: