Tracce

Il mio tentativo per ricevere e dare informazioni utili.

Indispensabili: “Economia Canaglia” – 10° e 11° Capitolo

Posted by giannigirotto su 5 marzo 2010

Sinora nella mia sezione “Indispensabili” ho inserito i collegamenti a dei file con gli estratti dei libri che volevo segnalare. Ora con questo libro, di Loretta Napoleoni, per il quale la ringrazio pubblicamente, ho cambiato approccio.

Inserisco infatti un capitolo alla volta, sempre sotto forma di estratto, ma direttamente leggibile. Inutile dire che considero questo libro veramente “indispensabile”, perchè chiude il cerchio fra la liberalizzazione del mercato globale e l’impotenza di una classe politica che persegue unicamenti gli obiettivi delle lobbies economiche/finanziarie/criminali.

Cap 10 – La mitologia dello Stato-mercato

Nello stato-mercato i grandi illusionisti della politica alimentano una cultura impregnata di mitologia……Se la fine del comunismo danneggia la dicotomia storica sinistra/destra, è la globalizzazione a sferrare il colpo mortale. Innanzitutto, ridisegna il rapporto tra lavoratori e industria. Mentre il capitale si muove liberamente e l’industria gode dei vantaggi dell’outsourcing e dell’offshoring, la manodopera occidentale rimane immobile. Si pensi che persino all’interno dell’Unione Europea la lingua rappresenta una vera e propria barriera al trasferimento della forza lavoro qualificata da un paese all’altro. I rapporti tra le classi e all’interno delle classi stesse sono radicalmente cambiati. «Il fatto che una società transnazionale possa spostare il suo stabilimento […] mentre un lavoratore non può trasferirsi in un altro paese ha tolto potere ai sindacati dei paesi industrializzati.»……..lo stato-mercato deve affrontare un doppio problema: uno di razionalità e uno di legittimità. Come può gestire l’outsourcing quando questo tipo di attività avvantaggia l’industria nazionale ma danneggia la manodopera interna? Come può o deve limitare la globalizzazione quando questa diventa un requisito per la crescita economica? Come può assicurarsi che i danni ambientali causati dalle industrie siano controllati a dovere quando i cambiamenti climatici sono fuori della sua portata?…..

……Nella nuova arena politica diventa essenziale la ricerca di potenti miti facilmente riciclabili. Perché siano universalmente riconoscibili per l’elettorato bisogna attingere a un patrimonio comune di tradizioni storiche, culturali e persino tribali. Perché i miti funzionino è importante che non siano legati alla politica, e al contrario risultino il più possibile vicini all’esperienza delle persone. L’ascesa politica di Silvio Berlusconi, il grande manipolatore di miti, lo dimostra. Berlusconi è un uomo che si è fatto da sé, anche grazie ad ambigui legami con il mondo della politica e non solo. Ma il suo ingresso nell’Olimpo della politica italiana è stato sapientemente orchestrato sfruttando i codici tribali del gioco del calcio, che rappresenta una dimensione di mito che accomuna la maggior parte degli italiani. Berlusconi ha rinnovato e riscritto il simbolismo mitico del gioco tanto amato dagli italiani e lo ha venduto all’elettorato come la sua nuova formula politica…….

Per loro, come per chi sceglie di credere ai miti di politici come Berlusconi e Chàvez, il tribalismo costituisce un confortevole bozzolo sociopolitico e socioeconomico che li protegge dai pericoli del villaggio globale.Il tribalismo moderno, sotto forma di tribalismo maoista, in fondo prepara anche la Cina al suo grande balzo in avanti nell’economia canaglia e nella globalizzazione.Nel villaggio globale, dunque, sembra emergere un modello nuovo. Il tribalismo, i clan, i gruppi etnici e religiosi, cioè le moderne tribù, diventano i veicoli socioeconomici con cui difendersi dall’economia canaglia e dalla globalizzazione e al tempo stesso offrono strumenti per trame vantaggio.

Cap 11 – La stravagante forza della globalizzazione

In questo capitolo viene fatto una desolante descrizione dello stato di totale degrado di interi quartieri, a volte intere città. Parliamo naturalmente dei realtà molto povere, che siano le favelas brasiliane o barrios in San Salvador o migliaia di altri quartieri o citta povere in tutto il mondo……..La colonizzazione dei quartieri poveri urbani occidentali da parte della criminalità ha successo grazie all’indifferenza dello stato-mercato nei confronti delle condizioni di vita in queste zone. Alla base di tale disinteresse c’è sostanzialmente l’irrilevanza elettorale di chi le popola: gran parte dei residenti infatti non va nemmeno a votare….

E questo comporta l’innescarsi di un tragico e drammaticamente assurdo circolo vizioso….Uno studio del Brookings Institution pubblicato nel 2006 e intitolato From Poverty, Opportunity dimostra che essere poveri in America costa più che appartenere al ceto medio. Ogni anno le famiglie a basso reddito finiscono per pagare migliaia di dollari in più rispetto a quelle ad alto reddito per far fronte alle esigenze quotidiane, per il solo fatto di essere povere e vivere nei ghetti. Le banche spesso mettono sulla lista nera i quartieri poveri al punto da non aprirvi agenzie e contribuire così a ridurne il capitale sociale e a reciderne i legami sociali con il mondo «esterno». A Los Angeles, nelle zone ad alto reddito come Manhattan Beach c’è una banca ogni 4000 abitanti. A Compton, un quartiere povero della stessa città, ce n’è una ogni 25 000. A Compton invece ci sono centinaia di servizi finanziari alternativi – pressoché assenti nelle zone ricche di Los Angeles – ai quali si accede pagando cifre stratosferiche. Incassare un assegno, per esempio, costa minimo il tre per cento del suo valore. Chi chiede un prestito a breve termine può ritrovarsi con un tasso d’interesse annuale del 400 per cento, oltre 35 volte il tasso medio applicato dalle carte di credito in California.Ma non è tutto: nelle zone povere d’America, incassare un assegno di 500 dollari negli uffici di cambio costa da cinque a 50 dollari in più rispetto a una banca.

Parte del capitolo analizza come la storia si ripeta sempre; sin dai tempi di Atene e Sparta è sempre stata l’economia a controllare la politica,  ed essendo essenzialmente un’economia canaglia ha sacrificato il futuro per perseguire un vantaggio economico immediato. L’economia canaglia non riesce a frenare i propri istinti predatori per valutare le conseguenze a medio-lungo termine del suo agire, ed interi imperi sono decaduti proprio in conseguenza di politiche di espansione economica non accompagnate da adeguati interventi politici e sociali che ne delimitassero le conseguenze. Proprio come oggi.

Bookmark and Share Gianni Girotto

Una Risposta to “Indispensabili: “Economia Canaglia” – 10° e 11° Capitolo”

  1. Sabato 6 Marzo a Milano ci sarà una grande manifestazione contro il razzismo, il No Razzismo Day. Una manifestazione per affermare con forza che l’unica razza esistente su questo pianeta è quella umana. I canali ufficiali di informazione non hanno dato nessuno spazio all’iniziativa, e sono quegli stessi che ogni giorno presentano gli stranieri come la causa di tutti i mali che affliggono il nostro paese. Vi chiedo di farvi portatori di questa causa diffondendo il più possibile la notizia ad amici e conoscenti.

    Un sentito ringraziamento al Blog Tracce per la collaborazione.

    NO RAZZISMO DAY

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: