Tracce

Il mio tentativo per ricevere e dare informazioni utili.

Coniugare Etica e rendimenti? si può fare.

Posted by giannigirotto su 12 agosto 2010

Chi ha la fortuna di avere qualche soldino da parte, si ritrova da qualche anno a questa parte ad avere a che fare con rendimenti bancari bassissimi. Investire in fondi o altri strumenti pone problemi oggettivi di sicurezza e soggettivi di etica.

Come socio di Banca Etica da diversi anni, ho investito qualche risparmio nei fondi d’investimento di Etica sgr, la società del Gruppo che si occupa di tali strumenti.  Non voglio aggiungere altro, ma lasciare che parli per me le comunicazioni relative ai premi vinti nel 2011 da Etica Sgr:

Lipper Fund Awards Italy 2011

Premio Alto Rendimento 2011

Mentre di seguito riporto la comunicazione che mi avevano inviato nel 2010, concentrata come leggerete sui rendimenti e sull’azionariato critico.

Milano, 28 luglio 2010
Gentile Cliente,
l’anno in corso si conferma diffìcile per i mercati finanziari a causa di una ripresa economica lenta e disomogenea e per le conseguenze della crisi che si ripercuotono sull’economia reale e sui risparmi delle famiglie.
La nota positiva arriva dalla crescente voglia di finanza socialmente responsabile espressa dalle famiglie italiane. Risparmiare con attenzione  alle tematiche di responsabilità socio-ambiestale è un trend in crescita: nei convegni, presso le università, con le aziende ed i sindacati, nel mondo bancario e finan­ziario, nelle sedi istituzionali, ci permettiamo di ribadire come i temi della finanza etica meritino anche nel nostro Paese un approccio attento, professionale e possano contribuire al dibattito in corso sulle strategie per migliorare il mondo della finanza.
La metodologia di analisi di Etica Sgr, in continua evoluzione e miglioramento, che privilegia le imprese che si impegnano in un cammino di sostenibilità socio-ambientale, continua a ricevere una buona attenzione dal mercato e ciò è confermato dal fatto che, nei primi sei mesi dell’anno, 2200 nuovi clienti hanno scelto i fondi del Sistema Valori Responsabili, portando il numero complessivo dei clien­ti a 17.200.
Nello stesso periodo la raccolta è aumentata di circa 75 milioni di euro attestandosi a 391 milioni di euro. Anche la semestrale della società si è chiusa con un dato estremamente positivo ed in crescita rispetto allo scorso anno.
In questo primo semestre, Etica Sgr ha continuato a lavorare intensamente sui criteri di analisi delle imprese, dettagliando meglio le tematiche riguardanti la corruzione, la biodiversità, i diritti umani, la gestione e il monitoraggio della filiera dei fornitori e la responsabilità di prodotto. Il Comitato Etico ha dedicato ampio spazio a temi delicati quali la gestione delle acque, bene necessario alla vita, da trattare con grande attenzione e senza intenti speculativi. Conscguentemente Etica tiene contò nelle proprie analisi degli sforzi delle imprese che lavorano per razionalizzare e ridurre gli sprechi idrici nei cicli produttivi, che si adoperano per evitare l’inquinamento delle falde acquifere, che rendicontano sugli investimenti effettuati per migliorare la gestione del ciclo dell’acqua.
Anche quest’anno è continuato il dialogo con le imprese per chiedere la trasparenza nella determi­nazione delle remunerazioni e dei bonus dell’alta dirczione, l’impegno nell’adozione di politiche di rispetto dei diritti umani negli stabilimenti in Paesi particolarmente controversi. Ad oggi Etica Sgr ha partecipato e votato per conto dei sottoscrittori dei fondi e secondo le linee guida pubblicate sul sito web della società a 8 assemblee: Indesit Company e Landi Renzo (Italia), Astrazeneca e British Gas Group (Gran Bretagna), Eli Lilly e Dell (Stati Uniti) K+S e BMW (Germania).
Nella newsletter allegata alla presente lettera trova un maggior dettaglio degli interventi.

Privilegiare imprese e stati sovrani che si impegnano nel rispetto dell’ambiente e delle comunità loca­li ovvero aziende gestite secondo regole di buon governo societario, non significa rinunciare a rendi­menti: a marzo 2010 i nostri fondi hanno vinto per il secondo anno consecutivo i prestigiosi Lipper Fund Awards: il fondo Valori Responsabili Obbligazionario Misto ha vinto nella categoria Mixed Asset EUR Conservative – Eurozone per i rendimenti a tre anni (2007-2009), mentre il fondo Valori Responsabili Bilanciato è risultato il migliore per la categoria Mixed Asset EUR Aggressive – Global per i rendimenti a tre anni (2007-2009)*.

 

Bookmark and Share Gianni Girotto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: