Tracce

Il mio tentativo per ricevere e dare informazioni utili.

Indispensabili: La decrescita felice – Decrescita, innovazione e progresso

Posted by giannigirotto su 21 marzo 2011

Non poteva mancare nella mia sezione Indispensabili questo scritto di Maurizio Pallante, che ovviamente rappresenta il punto d’unione di coloro che si riconoscono nell’omonimo Movimento per la Decrescita Felice.

Anche questo libro rientra tra i miei preferiti perchè non si limita a denunciare situazioni insostenibili, ma propone delle alternative concrete e virtuose, che ci consentono di mantenere un elevato livello qualitativo di vita, senza compromettere le risorse che lasceremo ai nostri figli.

Ecco l’estratto del capitolo (clicca sulla foto per vedere gli altri):

Decrescita, innovazione e progresso

Un sistema economico fondato sulla crescita del prodotto in­terno lordo è innovatore per necessità intrinseca. Per accrescere l’offerta di merci ha bisogno di continue innovazioni di processo finalizzate a incrementare la produttività, cioè le quantità prodotte nell’unità di tempo. Per accrescere la domanda ha bisogno di con­tinue innovazioni di prodotto finalizzate a rendere obsolete in tem­pi sempre più brevi le merci acquistate, in modo da abbreviare i tempi di sostituzione. Entrambe le innovazioni dipendono fonda­mentalmente dagli sviluppi della tecnologia, che a loro volta di­pendono dagli sviluppi della ricerca scientifica, anche se nelle in­novazioni di processo hanno un ruolo decisivo le innovazioni or­ganizzative e nelle innovazioni di prodotto hanno un ruolo altret­tanto importante le innovazioni estetiche. Maggiori sono le inno­vazioni, più rapida è la loro successione, maggiore è la crescita del­la produzione e del consumo di merci. In un sistema economico che misura la crescita del benessere con la crescita del prodotto interno lordo, l’innovazione diventa un valore in sé. Si identifica col concetto di miglioramento. Poiché le innovazioni cambiano di continuo la situazione esistente, la disponibilità al cambiamento assume un ruolo centrale nel sistema dei valori condivisi. Diventa una pubblica virtù. Viceversa, la resistenza nei confronti delle in­novazioni diventa un vizio da sradicare, una manifestazione di chiusura mentale da ridicolizzare, un atteggiamento d’altri tempi da condannare…

Il capitolo prosegue con una lunga spiegazione di come il suddetto atteggiamento possa essere, ed in effetti è stato, molto pericoloso, in quanto può portare ad una spirale di continua distruzione del passato per far posto al futuro, ma eliminando in questo processo di distruzione anche molte cose, sia a livello di manufatti sia di ambiente naturale, che invece meritano ed in molti casi DEVONO essere salvate, in primis appunto l’ambiente naturale… tale atteggiamento, tutora  non mediato dal buon senso, comporta anche che… ciò che le innovazioni rendono vecchio e superato in tempi sempre più brevi, in parallelo alla crescita delle merci si ha una direttamente proporzionale crescita dei rifiuti. Più rapide sono le innovazioni di processo e di prodotto, più rapidamente invecchia­no e vengono sostituiti i manufatti e gli oggetti, più rapida è la crescita dei rifiuti. Oltre certi livelli può diventare addirittura superiore alla crescita del prodotto interno lordo. Tra il 2000 e il 2003 la produzione di rifiuti in Italia è cresciuta del 3,8 per cento, la produzione di merci del 2,4 per cento…

In parallelo alla crescita dei rifiuti, la crescita della produzione e della produttività comportano un proporzionale incremento del consumo di risorse e scaricano negli ambienti quantità crescenti di emissioni inquinanti. Nei processi produttivi in cui si utilizzano materie prime rinnovabili, l’esigenza di averne sempre di più spin­ge a forzare artificialmente i ritmi della loro riproduzione (come si verifica con le risorse agricole), mentre nei processi produttivi in cui si utilizzano materie prime non rinnovabili, induce a pro­durre sostanze alternative di sintesi (come fanno le varie branche dell’industria chimica) o a intervenire sulla struttura della materia (l’energia nucleare e le biotecnologie). Inoltre, la concorrenza im­pone che le innovazioni tecnologiche di processo vengano finaliz­zate a ridurre i costi di produzione e accrescere la produttività, fa­cendo passare in secondo piano, o ignorare del tutto, la valutazione del loro impatto ambientale. Così, per decenni, i processi di produzione industriale e agricola hanno scaricato nell’aria, nelle acque e nei suoli quantità crescenti di sostanze inquinanti gassose, liquide e solide…

A livello di politica…

l’obiettivo della crescita è comune ai due schieramenti, che si dividono sui mezzi per raggiungerlo e sui mo­di di distribuirne i benefici tra le classi sociali. I contendenti di entrambi i fronti partono dal presupposto che più la torta è gran­de e più ce n’è per tutti. Per i partiti di destra, con varie sfumatu­re, il mercato è lo strumento più efficace per farla crescere e per dividerne nel modo migliore le fette tra i soggetti che hanno contribuito a farla crescere col loro lavoro. La possibilità di inserire qualche correttivo politico non la escludono, purché non stravol­ga gli equilibri definiti di volta in volta dalla dinamica della do­manda e dell’offerta. Per i partiti di sinistra lo Stato deve invece intervenire nell’economia per ridistribuire in maniera più equa il reddito tra le classi sociali. A tal fine deve usare la leva fiscale per tassare in maniera progressiva i redditi più alti e spendere i pro­venti in servizi sociali e sostegni ai più disagiati. Altrimenti la cre­scita aumenterebbe le diseguaglianze, facendo pagare con un peg­gioramento delle condizioni di vita dei più deboli l’aumento dei privilegi dei più forti. Quale delle due posizioni fa crescere di più il prodotto interno lordo? Quale è più progressista? Se lo Stato interviene per attuare una distribuzione più equa del reddito tra le classi sociali, aumenta la quota del reddito destinata ai consu­mi. Di conseguenza la quota destinata agli investimenti si riduce. Se non interviene e lascia fare al mercato, la quota del reddito de­stinata ai consumi diminuisce e aumenta quella disponibile per gli investimenti in innovazioni tecnologiche. Pertanto, un’economia che non si pone il fine di una maggiore equità cresce di più e più in fretta di un’economia che se lo pone. Un’economia più giusta è meno produttiva e un’economia più produttiva è meno giusta. Se si fanno le fette più uguali, la torta resta più piccola e le fette sono più piccole. Se si fanno le fette meno uguali la torta diventa più grande e le sue fette più piccole possono essere più grandi delle fette più grandi della torta più piccola. Nei paesi industrializzati si è relativamente poveri con un reddito prò capite inferiore ai 500 euro. Nei paesi dell’ex blocco sovietico le buste paga raggiungono a mala pena la metà di questo valore. La povertà assoluta del pro­letariato di Londra nella seconda metà dell’Ottocento, descritta nella sua drammaticità in tante opere sociologiche, letterarie e ar-tistiche, ha consentito di investire in innovazioni tecnologiche che hanno accresciuto la produzione di merci fino al punto in cui, un secolo dopo, per trovare una domanda capace di assorbirle è sta­to necessario ampliare la fascia dei consumatori accrescendo il reddito monetario degli strati sociali più poveri. Le fette più pic­cole della grande torta che ora essi mangiano sarebbero ritagliate da una torta più piccola e sarebbero molto più piccole se non ci fosse stata la fame dei loro antenati, ma dalla sazietà e dagli spre­chi dei discendenti non traggono giovamento le sofferenze che es­si hanno patito. Come non ne traggono giovamento le sofferenze dei quattro quinti dell’umanità ai quali, per fare grande quella tor­ta di cui le classi subalterne dei paesi sviluppati mangiano le fette più piccole, viene sottratto ciò che è necessario per vivere. Un’e­conomia finalizzata alla crescita della produzione di merci non può non essere ingiusta. Non può non generare sofferenze sem­pre più acute e diffuse…

In definitiva… La libertà e la democrazia non possono essere limitate all’alternativa tra le due varianti interne allo stesso paradigma: destra o sinistra. O rinchiuse nello spazio ancora più angusto tra le due opzioni più simili delle due varianti: centrode­stra e centrosinistra. La libertà e la democrazia, per essere tali de­vono includere la possibilità di rimettere in discussione il paradig­ma e progettarne un altro. Chi rimette in discussione il paradigma progressista è più progressista dei progressisti che lo considerano un dogma intoccabile. Ma è anche conservatore, perché la critica dell’innovazione come valore in sé implica una rivalutazione del passato e il riconoscimento che non tutti i cambiamenti sono stati miglioramenti. Il progresso non esclude la conservazione, ma si realizza con una serie di aggiunte a un patrimonio di sapere e sa­per fare ereditato dalle generazioni precedenti. Chi critica il valore della crescita economica e l’ideologia progressista, rimette in di­scussione le categorie concettuali su cui si fonda la modernità…

quali innovazioni quindi conviene accettare e quali rifiutare: ovviamente si deve valutare caso per caso, ma il criterio ultimo è sempre quello della sostenibilià nel tempo, di ciclo chiuso… un sistema economico che pretende di accrescere in­definitamente la produzione di merci mentre le risorse sono limi­tate ed è limitata la capacità dell’ecosistema terrestre di assorbire le scorie della produzione, non ha potenzialità di futuro. Al livello di sviluppo raggiunto si sta già scontrando con i limiti del pianeta. Solo un sistema economico finalizzato a ridurre al minimo il con­sumo di risorse e la produzione di rifiuti, che riduce gli sprechi, aumenta la durata di vita degli oggetti e ricicla le materie prime contenute in quelli dismessi, utilizza le innovazioni tecnologiche per attenuare al minimo l’impatto ambientale dei processi pro­duttivi e non per aumentare la produttività, sviluppa al massimo l’autoproduzione di beni, le filiere corte, gli scambi non mercanti­li, in una parola, solo un’economia della decrescita ha una poten­zialità di futuro…

Bookmark and Share Gianni Girotto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: