Tracce

Il mio tentativo per ricevere e dare informazioni utili.

Pericolo Terrorismo? c’è di peggio!

Posted by giannigirotto su 17 maggio 2011

Da diversi anni le questioni che tengono banco sono le solite: lotta al terrorismo, ripresa economica, politica e relativi scandali, gossip, cronaca nera… di tanto in tanto viene portata alla ribalta per qualche decina di secondi la situazione ambientale, ma solo per tornare velocemente poi nelle ultime pagine di giornali e relegata nelle trasmissioni televisive notturne…

Beh, io credo che un compito di tutti noi sia quello di dare la giusta priorità alle cose, senza mai stancarci di ripeterlo. Per cui ancora una volta riporto pari pari la newsletter di “Salva le Foreste“, sperando vogliate leggerla e diffonderla. Tutto il resto viene dopo, perchè come diceva un certo Toro Seduto “…quando l’ultimo albero sarà abbattuto e l’ultimo fiume avvelenato, allora capirete che non si può mangiare il denaro…”, molto vecchio stile, ma molto vero…

Newsletter di Salva le Foreste

Disney non aiuta le foreste pluviali
“Il modo migliore per cominciare qualcosa è smettere di parlare e iniziare a darsi da fare”, diceva Walt Disney. I libri sono promuovono ispirazione, scoperta, sviluppo di nuove idee, soprattutto per i bambini. Walt Disney lo sapeva, e per questo le storie di Disney contengono dei messaggi che…
Leggi tutto…
Indonesia: la APRIL distrugge l’habitat della tigre
Un’impresa forestale che rifornisce legmame il gigante cartario indonesiano APRIL abbatte una foresta protetta a Sumatra. Un’indagine di Eyes on the Forest , una coalizione di associazioni ambientaliste indoensiane, pubblica le prove in un rapporto . L’impresa PT Riau Andalan Pulp and Paper (Rapp),…
Leggi tutto…
Riprese di tigri in una foresta minacciata di deforestazione
Ben dodici tigri individuate nel giro di due mesi, tra cui due madri con i cuccioli che giocano inseguendo una foglia, in una foresta destinata all’abbattimento. Telecamere nascoste collocate dal WWF in una foresta destinata alla distruzione dimostrano la presenza della tigre di Sumatra, una delle…
Leggi tutto…
Dall’Amazzonia, un nuovo modello di sviluppo
La Cocha Brava , un’area di foresta incontaminata, una laguna sacra agli indios ricca di animali sconosciuti e di risorse preziose genetiche, un deposito immenso di carbonio. Questi prezioso forziere, insidiato dall’avanzata delle compagnie del taglio illegale e dalle concessioni petrolifere ,…
Leggi tutto…
Perù: Amazzonia globalizzata
Nel 2007 il Congresso degli Stati Uniti ha approvato il trattato di libero commercio con il Perù ( U.S.-Peru FTA ) . L’accordo, che ha visto forti opposizioni nel paese sudamericano, include norme che impongono politiche volte al rispetto dell’ambiente: “Riconoscendo il diritto sovrano di ciascuna…
Leggi tutto…
Legno illegale del Perù
Il Perù ha la terza foresta pluviale del mondo, dopo il Brasile e la Repubblica Democratica del Congo. Si tratta di foreste tra le più ricche di biodiversità. Secondo il World Conservation Monitoring Centre, le foreste peruviane ospitano 2.937 specie conosciute di tra anfibi, uccelli, mammiferi…
Leggi tutto…
Amazzonia: i feudi estrattivi del Perù
Non è amata dagli indigeni peruviani, la nuova Legge Forestale. Infatti, il testo in corso di approvazione, esclude esplicitamente i precedenti limiti al numero di parcelle concessionabili nell’ambito forestale (estese  da 5 a 40.000 ettari). Il risultato pratico sarà il rilascio di concessioni…
Leggi tutto…
Perù: l’assalto alle terre indigene
Malgrado la legge riconosca in teoria il diritto delle comunità native ai territori ancestrali, nella prassi gli adempimenti burocratici e i costi di registrazione (inclusi i costi della corruzione dei funzionari incaricati) sono per loro proibitivi. È il caso della Comunitá Nativa Capanahua di…
Leggi tutto…
Cocha Brava: una laguna planetaria
Nell’Amazzonia le paludi sono frequentissime: la scarsa pendenza del suolo e la grande massa di detriti che si accumulano, facilita il cambiamento di corso dei grandi fiumi, lasciando dietro di sé paludi e foreste alluvionali. Le anse si allungano fino a quando l’apertura di un percorso diretto le…
Leggi tutto…
Messico: assassinato ambientalista
Javier Torres Cruz si batteva contro la deforestazione illegale praticata dai signori della droga nello stato messicano di Guerroro. Leader dell’associazione ambientalista dell’Organizzazione della Coyuca Montagne e Petatlán, Torres Cruz si batteva a viso aperto contro il disboscamento illegale…
Leggi tutto…
Bangladesh: villaggi Jumma ridotti in cenere
Sei villaggi jumma ridotti in cenere e numerosi indigeni attaccati dai coloni bengalesi nelle Chittagong Hill Tracts del Bangladesh. I disordini sono scoppiati quando alcuni Jumma hanno sorpreso dei coloni a disboscare la loro foresta ancestrale. Si è verificato uno scontro nel corso del quale…
Leggi tutto…
se ti piace condivi su Facebook e/o altri siti cliccando qui a destra Bookmark and Share Gianni Girotto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: