Tracce

Il mio tentativo per ricevere e dare informazioni utili.

Newsletter GIT Treviso Banca Etica – Novembre 2011

Posted by giannigirotto su 6 dicembre 2011

Logo Banca Etica Newsletter informativa del G.I.T. (Gruppo d’Iniziativa Territoriale) di Treviso  & Belluno
novembre 2011
Advar ADVAR – Progetto “Ampliamento Hospice”

Per chi non conoscesse questa Associazione, Advar è una libera associazione,
apartitica e aconfessionale, senza fine di lucro che opera a Treviso e
nei comuni dell’ULSS n.9, offrendo assistenza domiciliare gratuita ai
malati di cancro in fase avanzata e terminale e alle loro famiglie
attraverso i propri volontari e i propri operatori sanitari.





Nel luglio del 2004 l’Azienda ULSS n.9 ha stipulato una convenzione con
l’Associazione Advar per l’erogazione dell’assistenza domiciliare e con la Fondazione “Amici dell’Advar” per l’assistenza presso la struttura Hospice “Casa dei Gelsi”.

Mediante queste due Onlus, l’Advar
provvede sia all’assistenza domiciliare sia all’accoglimento
nell’Hospice. In tal modo le due attività si integrano e completano
l’assistenza erogata direttamente dall’Azienda sanitaria trevigiana. La
convenzione, inoltre, dà riconoscimento e piena legittimazione alle
attività dell’Advar e denota i cambiamenti in atto nel mondo sanitario,
con il mutato atteggiamento culturale nei confronti della terapia del
dolore e della morte.

L’azione dell’Advar si estende ormai a
tutto il territorio dell’Azienda ULSS 9 ed è, quindi, utile mostrare la
distribuzione sul territorio degli interventi effettuati.

Ora l’ADVAR ha in
progetto di ampliare la propria casa di accoglienza, e a tal fine ha
programmato una serie di eventi che sono partiti ad ottobre e che
proseguiranno sino alla vigilia di Natale. Ecco gli eventi ancora in programma:

1

2

3

4

Etica Sgr Coniugare Etica e Rendimenti? Si può fare!

Chi ha la fortuna di avere qualche soldino da parte, si ritrova da
qualche anno a questa parte ad avere a che fare con rendimenti bancari
bassissimi. Investire in fondi o altri strumenti pone problemi oggettivi
di sicurezza e soggettivi di etica.

Non tutti sanno allora che Banca Etica da diversi anni ha creato una propria Società di Gestione del Risparmio (le cosidette SGR), denominata appunto ETICA SGR, che
si occupa appunto degli strumenti tipici, cioè i Fondi di
Investimento.  E con eccellenti risultati; scrive ETICA SGR: “
Privilegiare imprese e stati sovrani che si impegnano nel
rispetto dell’ambiente e delle comunità loca­li ovvero aziende gestite
secondo regole di buon governo societario, non significa rinunciare a
rendi­menti: a marzo 2011 i nostri fondi hanno vinto per il terzo anno
consecutivo i prestigiosi Lipper Fund Awards:

Lipper Fund Awards Italy 2011

Premio Alto Rendimento 2011

Pertanto se qualche vostro amico
pensa che Banca Etica sia solo ed esclusivamente un sacrificio, e che
le banche “normali” siano per forza migliori dal punti di vista del
rendimento personale, beh, ora avete la prova nero su bianco che anche
la finanza etica può ottenere ottimi risultati di rendimento.

Telechiara Intervista – Il Cantiere del nuovo mondo

La filiale di Treviso è stata di recente visitata ed intervistata dalla giornalista Elena Mattiuzzo del canale televisivo Telechiara – canale 14, nell’ambito di un loro progetto redazionale denominato appunto “Il cantiere del nuovo mondo”.

Così viene descritto nel sito web di Telechiara: L’inchiesta di questa settimana passa attraverso i modi “etici” di fare
scelte economiche, produttive e di vita, creando un progresso
sostenibile e consapevole. Incontreremo i “cohouser” dell’Eco-Quartiere
di Quattro Passi, a Treviso. 8 famiglie che andranno a co-abitare in un
villaggio costruito con i criteri della bioedilizia e risparmio
energetico, condividendo spazi e scelte di vita. Passeremo poi a
conoscere i GAS (gruppi acquisto solidaleI) e i GAF (gruppi acquisto
fotovoltaico) per poi andare a Marcon a incontrare la giovane
impreditrice agricola che ha vinto l’Oscar Green di Coldiretti per
l’impiano di BioGas più efficiente e produttivo del Veneto. Ci
occuperemo di edilizia sostenibile volta al risparmio energetico (ed
economico) e basso impatto ambientale, e di come anche la finanza, in
tempi davvero delicati, possa essere etica
. Infine, vi raccontiamo
l’esperienza dell’Unesco, in una classe elementare di Treviso,
sull’Impronta Ecologica. Insomma il “cantiere del mondo nuovo”.

Se volete pertanto potete vedere ed invitare i vostri amici a vedere tale trasmissione che andrà in onda:

 

SABATO 19 Novembre, ore 21.00
e poi nelle repliche di
domenica 20/11 ore 23.15,
martedì 22/11 ore 18.20
e giovedì 24/11 ore 23.00.

 

Armi Trasformeranno le spade in aratri e le lance in falci… (Profeta Isaia)

Purtroppo siamo ancora
molto lontani dall’avverarsi di questa profezia di Isaia, e
probabilmente lo saremo per molto tempo ancora, dal momento che moltissimi Parlamentari USA sono investitori diretti nel mercato degli armamenti
però in Italia abbiamo un piccolo segnale che ognuno interpreti come
vuole, che si estrinseca nella recente flessione di Finmeccanica, la
più grande produttrice di armi italiana… ecco la notizia (Fonte: Economia&Finanza – 15 novembre 2011):

Finmeccanica, perdita record da 767 milioni
Cancella il dividendo e sprofonda in Borsa

Il gruppo guidato ha tagliato le stime per l’intero anno. Il margine operativo lordo è atteso negativo per circa 200 milioni. La società al centro di uno scandalo giudiziario per tangenti e incarichi sospetti

MILANO –  Finmeccanica chiude i
primi nove mesi dell’anno con una perdita netta di 767 milioni di euro,
rivede la stima sui ricavi per l’intero anno e cancella il dividendo
per il 2011. Piazza Affari non approva e il titolo crolla: a fine seduta
cede oltre il 20%. Nessuno immaginava svalutazioni così pesanti.

In
mattinata il consiglio di amministrazione di Finmeccanica – assente il
presidente Pier Francesco Guarguaglini – ha quindi proposto di azzerare
il dividendo dopo che lo scorso anno il pay out era stato del 46% a 258
milioni. A dimostrazione che il 2011 resta un anno critico. Il gruppo ha
rivisto al ribasso le stime sui ricavi 2011 tagliandole a 17-17,5
miliardi di euro, “una volta deconsolidati, nel secondo semestre, circa
400 milioni di euro a seguito della cessione del 45% di Ansaldo
Energia”.

Il comunicato.

Per
quanto riguarda l’indebitamento, invece, l’ad del gruppo, Giuseppe Orsi
ha spiegato che è “atteso a fine 2012 essere inferiore ai 2,5
miliardi”. Un cifra che per il manager è “relativamente elevata rispetto
alla generazione di cassa”. E quindi le leve per la riduzione saranno
“un miglioramento della generazione operativa di cassa”; il piano di
dismissioni di asset da “un miliardo entro fine 2012”; la mancata
distribuzione del dividendo per l’esercizio 2011, i cui fondi saranno
utilizzati “per costi di di ristrutturazione”. Sul tavolo delle dismissioni
BredaMenarini, Avio e “di fronte a una buona offerta” AnsaldoSts. Il
gruppo cerca invece partner per Oto Melara e Wass. Orsi ha poi smentito
che l’assenza in cda di Guarguaglini possa essere legata a dissidi tra
di loro.

Finmeccanica ha quindi sottolineato che devono essere
ancora valutati alcuni possibili impatti sui risultati del gruppo a fine
anno e che tali effetti “potranno incidere sul risultato netto atteso
per la fine dell’esercizio che potrebbe risultare significativamente
peggiore rispetto a quanto rilevato al 30 settembre 2011”. L’ebitda
adjusted per l’intero esercizio è atteso su un valore negativo di circa
200 milioni.

Nel dettaglio, sulla perdita registrata a fine
settembre, a fronte di un utile 2010 di 321 milioni, pesano oneri non
ricorrenti per 753 milioni riconducibili al settore dell’aeronautica.
L’ebitda adjusted è negativo per 188 milioni (positivo per 856 milioni
nel 2010). I ricavi calano del 5% a 12,25 miliardi, mentre gli ordini
del 21% a 10,6 miliardi. L’indebitamento finanziario netto è di 4,66
miliardi, superiore ai 3,1 miliardi di fine 2010, ma inferiore di 232
milioni rispetto al 30 settembre 2010. Il dato beneficia per 344 milioni
della cessione del 45% di Ansaldo Energia. E per il 2012 la società
dovrebbe tornare all’utile.

Ho sognato una banca Un libro al mese: Ho sognato una banca

Penso
proprio che non vi sia bisogno di presentazione per questo libro. Soci
e simpatizzanti conoscono senz’altro Fabio Salviato, uno dei soci
ideatori e fondatori di Banca Etica, e suo primo Presidente.

Pertanto, chi volesse dare una letta ai capitoli riassunti lo può fare in questa pagina, per poi decidere magari di comprare il libro per sè stessi o per regalarlo a qualche suo caro (Natale si avvicina, no?)

Informazioni tecniche

Se anche a voi capita che un
amico/conoscente vi chieda delle informazioni tecniche specifiche su un
qualche prodotto/servizio di Banca Etica, ricordatevi sempre che il
sito Internet può offrire molte risposte.

Infatti nella sezione “Prodotti e servizi” trovate tutte le principali informazioni su:

– Conti correnti, per privati e aziende;

– Certificati di deposito;

– Obbligazioni;

– Fondi di investimento;

– Libretti di risparmio;

– Carte di credito, Bancomat;

– Home banking;

– Incassi e pagamenti (bonifici, Riba, RID, MAV, RAV, bollettino bancario Freccia, F24)



ed altro ancora… pertanto consigliate senza indugio i vostri amici a
visitare il sito per controllare con i propri occhi… potranno
rendersi conto in prima persona di una delle tante differenze che
abbiamo rispetto alle Banche “tradizionali”..: informazioni chiare,
precise
, facili
da trovare, senza clausole nascoste o scritte in caratteri
piccolissimi… e chissà pertanto che non apprezzino e decidano di
diventare soci…
Logo FB Gruppo Facebook

Per coloro che utilizzano Facebook, ricordiamo di aver creato un Gruppo

Banca Etica – G.I.T. Treviso & Belluno

per migliorare ancora la comunicazione non solo con i soci, ma in questo caso sopratutto con nuovi amici e simpatizzanti.

Tramite questo strumento è infatti possibile “girare” velocemente una
notizia a tutti o alcuni dei nostri contatti, velocizzando al massimo
la comunicazione.

Non solo, è possibile portare la comunicazione da un ambito
“monodirezionale”, com’è normalmente sul sito istituzionale e come la
presente newsletter, ad un ambito “bi/multidirezionale”, instaurando
delle vere e proprie discussioni a cui tutti possono apportare il
proprio contributo
, con proposte, segnalazioni, domande e perchè no
critiche…

Invitiamo pertanto tutti ad utilizzare questo strumento per far
crescere la Banca, c’è ancora moltissima gente che non la conosce…

e naturalmente, l’augurio di tutti noi è sempre uguale: Siate Allegri!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: