Tracce

Il mio tentativo per ricevere e dare informazioni utili.

Indispensabili: Blue Economy – Cap.3) L’EFFICIENZA DELLA NATURA NELL’USO DELLE RISORSE

Posted by giannigirotto su 25 aprile 2012

Continuo con l’inseririmento nella mia sezione Indispensabili degli estratti di questo libro di Gunter Paoli, che tratta di un tema di portata epocale, e cioè la riforma del nostro modo di concepire l’ambiente, l’agricoltura, l’industria, i rifiuti in modo da far quadrare il cerchio di uno sviluppo sostenibile con il pianeta in cui ci ritroviamo a vivere.

.

_____________________________

Cap. 3) L’EFFICIENZA DELLA NATURA NELL’USO DELLE RISORSE

…Per rendere confortevoli gli ambienti interni dal punto di vista delle tem­perature si può prendere spunto dalla fisica del movimento dell’acqua e dell’aria come pure dai modi elegantemente semplici messi a punto da svariate specie come le termiti, le zebre, i coleotteri tenebrionidi del deser­to del Namib e i mitili. Seguendo questo nuovo modello, si può ottenere di più con meno energia, garantendo condizioni di salute migliori di quanto potessimo mai immaginare. Si possono eliminare componenti e prodotti ritenuti indispensabili nelle moderne costruzioni… Le termiti hanno perfezionato una progettazione dei camini dove l’aria si riscalda e sale naturalmente creando così un differenziale di pres­sione all’interno del termitaio sottostante. Poiché il termitaio è collegato all’ambiente circostante con piccoli tunnel sotterranei, l’aria esterna flui­sce nel nido per riequilibrare la pressione atmosferica…Andres Nyquist (che conobbe Warne ma con cui non collaborò mai) riuscì a sviluppare formule mate­matiche che codificano le scoperte di Warne in un modello che rende gli attuali sistemi automatici di climatizzazione obsoleti. Basandosi sugli stu­di dell’architettura delle termiti, Nyquist scoprì che si possono progettare edifici a consumo di energia ridotto in grado di riscaldarsi o raffrescarsi secondo il bisogno… Il sistema di aereazione delle termiti assicura in modo costante e preciso una temperatura di 30 °C e un’umidità del 61%

il primo edifìcio multipiano che imitata il lavoro geniale del­le termiti è stato costruito a Harare, la capitale dello Zimbabwe. Il cen­tro commerciale e amministrativo Eastgate, un edifìcio di dieci piani costruito alla fine degli anni ’80 da Arup, un gruppo di progettazione britannico, è riscaldato e raffrescato solo con ventilazione naturale…

UNA STRISCIA DI COLORE DIVERSO: Le zebre offrono un altro esempio di tecnologia che potrebbe ridurre, e in alcuni casi persino eliminare, il bisogno d’isolamento in molte parti del mondo… Le zebre riescono a ridurre la temperatura di superfìcie di circa 9 °C sfruttando le correnti d’aria generate dall’alternanza delle loro strisce bianche e nere…E’ noto che il colore bianco riflette il sole e quindi riduce il calore. Il colore nero assor­be invece i raggi solari aumentando così la temperatura di superficie…si può notare come il semplice effetto fisico di superfici bianche e nere riduca le temperature interne con un risparmio energetico previsto pari a circa il 20%

UN ADESIVO SOFISTICATO: Kai-chang Li dell’università statale dell’Oregon (Usa) ha studiato le resine che i mitili producono e ha utilizzato le conclusioni della sua ricerca per svi­luppare una colla messa in commercio e che la Columbia Forest Products usa per sostituire gli epossidi contenenti formaldeide, la colla normal­mente utilizzata nel cartone. La qualità dell’aria degli ambienti interni migliora notevolmente eliminando la formaldeide dai materiali di costru­zione…

…VORTICI, EFFICACI BATTERICIDI: Non vi siete mai chiesti come facciano i fiumi a ripulirsi? Usano la fisica… L’incessante corrente del fiume favorisce la creazione continua di vortici nell’acqua. Il vortice fa aumentare la pressione al centro del suo mulinello a livello di nanopressione e l’attrito rompe la membrana dei batteri…I potenziali risparmi ener­getici forniti dalla tecnologia dei vortici e una miglior comprensione del­la geometria dei vortici permettono di sviluppare buone opportunità sia per le aziende sia per le società. Combinando queste conoscenze con i tetti a scacchi idrofili e idrorepellenti presi a prestito dal coleottero tenebrionide del deserto del Namib, si può ridurre il consumo energetico e di materiali e produrre acqua dal tetto di un edificio. Grazie alla tecnolo­gia dei vortici, la stessa acqua grigia utilizzata per fare il’bucato al decimo piano può essere riutilizzata uno o due piani più sotto, riducendo così lo spreco idrico di dieci volte…

La società svedese in fase di avviamento, Watreco, offre un dispositivo che utilizza Vortex Process Technology® brevettata per estrarre l’aria dal­l’acqua. Una proposta allettante per chi abbia la necessità di produrre o conservare grandi quantità di ghiaccio. Durante la produzione di ghiac­cio si congelano sia l’acqua sia l’aria. Poiché l’aria è un isolante, l’energia necessaria per congelare e conservare il ghiaccio dipende dalla quantità d’aria contenu­ta nell’acqua. Poiché la tecnologia del vortice elimina l’aria, il risparmio energetico ottenibile è fino al 43% secondo lo studio dell’Università Statale del­l’Ohio…

PREVENIRE GLI INCENDI IN MODO NATURALE: Mats Nilsson, uno scienziato e ricercatore presso la ditta svedese Trulstech Innovation, ha sviluppato una gamma di gel e polveri ottenuti con sostanze alimentari facilmente reperibili e li ha chiamati “Fagocitatori molecolari di calore”. Sembra logico. I nostri corpi hanno la straordina­ria capacità di gestire il calore e l’ossigeno. Se il calore viene allontanato dalla fonte di materiale combustibile e si converte l’ossigeno in anidride carbonica, non può esserci rischio d’incendio. Molti studenti di chimica lo imparano con il ciclo di Krebs. Una sostituzione che vale la pena fare: rimpiazzare sostanze chimiche cancerogene che hanno effetti negativi sul­la nostra salute con materiali alimentari ampiamente disponibili e a prezzi competitivi. Pensiamo al vantaggio concorrenziale dei ritardanti di fiamma di Nilsson. Non si deve più scegliere tra una morte immediata a causa di un incendio o una morta lenta per cancro! Si possono sostituire i prodotti che distruggono la vita con prodotti che la promuovono. Le sostanze biochimiche necessarie per le invenzioni di Nilsson potrebbero essere ottenute dai residui della vinificazione e dagli scarti della produ­zione di succo di agrumi, trasformando così gli scarti in denaro… La stessa tecnologia può essere impiegata per eliminare il rischio di esplo­sione nelle miniere. Concentrazioni eccessive di metano naturale riem­piono i tunnel e possono causare disastri se scoccano delle scintille men­tre i macchinari scavano la roccia. Attualmente i macchinari sono fatti con costose leghe di nickel e cobalto per ridurre il rischio di scintille. Usan­do i già esistenti tunnel di aereazione per irrorare l’area di estrazione con ritardanti a base di sostanze alimentari si potrebbero inibire le scintille e prevenire le esplosioni…

 

…i prossimi capitoli saranno disponibili (spero) nelle settimane prossime, mentre quelli già pubblicati li trovate qua

_________________________________________________________________

Come sempre vi ricordo  che in un altra sezione del mio sito ho elencato una serie di opportunità di AGIRE per cambiare le cose in meglio. Ed infine, di fronte a tutte queste pressioni per consumare, spendere, crescere sempre di più, consiglio anche la lettura anche de “La Decrescita felice“, che apre uno squarcio di luce su questa spirale perversa, e ci fa capire come si possa coniugare lo sviluppo, la felicità con l’autoproduzione e il recupero del saper fare personale…

 se ti piace condivi su Facebook e/o altri siti cliccando qui a destra Bookmark and Share  Gianni Girotto

Gianni G

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: