Tracce

Il mio tentativo per ricevere e dare informazioni utili.

Indispensabili – Caccia al tesoro – 1) Terremoti

Posted by giannigirotto su 25 ottobre 2014

caccia_al_tesoroAggiungo alla mia sezione Indispensabili questo libro che si va ad aggiungere agli altri che si occupano di grande finanza: ho già pubblicato “La posta in gioco“, Dobbiamo restituire fiducia ai mercati – Falso!, I Padroni del mondo, Ho sognato una Banca, Il Risparmio Tradito,  Manuale di Finanza popolare. Il titolo fa riferimento non tanto ad un galeone dei pirati o alle segrete di ad un castello medioevale, ma molto più prosaicamente ad una spaventosa quantità di denaro che non è stata pagata al fisco. E si badi bene, non si tratta automaticamente/sempre di attività illegale, cioè “evasione fiscale”, ma molto spesso di un’attività formalmente lecita, diciamo “al limite”, che viene indicata tecnicamente come “elusione fiscale”. Come si legge dal sottotitolo stiamo parlando di cifre elevatissime, che se invece di finire su questi circuiti di finanza speculativa, rimanessero nei paesi in cui sono state generate, risolverebbero quasi automaticamente l’attuale situazione di gravissima crisi in cui ci troviamo da diversi anni. Ed in più rimane la banalissima considerazione che ogni euro evaso o eluso che sia, è un euro che deve essere pagato dal resto dei cittadini. E questo semplicemente non è giusto. Chiedete ai politici che conoscete cosa stanno facendo per non farvi pagare al posto degli altri.

_____________________

Cap 1) Terremoti

A luglio 2009 il vertice dei G8 si tiene a L’Aquila. E’ iniziata da un anno la grande crisi finanziaria, e i Capi di Stato si stanno rendendo conto dell’enormità di quantità di denaro dovranno utilizzare per rimettere in moto l’economia, ma quei soldi non ci sono. O meglio, l’unico posto in cui si possono recuperare sono dai cosidetti “Paradisi fiscali”, che custodiscono circa 32mila miliardi di euro. Nel comunicato finale del G8 quindi dichiarano: “La crisi ha evidenziato l’esigenza di regole sull’integrità e la trasparenza dell’attività economica e della finanza internazionali, per rafforzare l’etica negli affari. A tal fine i leader hanno concordato sulla necessità di sviluppare standard e principi comuni… per compattare la corruzione, l’evasione fiscale e il riciclaggio di denaro sporco…

In questi Paradisi fiscali si paga l’uno, il due percento dei profitti, mentre nei Paesi d’origine si paga il 50% e più… e quindi nel 2009 i capi di Stato dichiarano battaglia a tale situazione.

Peccato però che i principali Paradisi fiscali si trovino a Londra e negli Stati Uniti, poi Svizzera, Irlanda, Cipro, Malta, Olanda e Lussemburgo… ma la gente non lo sa, e quindi i governanti fanno bella figura con le loro dichiarazioni… in particolare per noi italiani, sappiate che quasi tutti i grandi gruppi e istituti bancari italiani hanno la sede fiscale in Lussemburgo...

In questi paradisi fiscali in pratica hanno la sede tutto ciò che conta, tutta una fittissima rete di compagnie e persino gli organismi che organizzano e controllano il sistema finanziario mondiale.

Nel 2009 dunque riparte per l’ennesima volta una guerra a parole contro i paradisi fiscali, ed ancora una volta rimane a parole, visto che il numero dei paradisi fiscali da allora è persino raddoppiato, ed oggi se ne contano dei 60-80 o persino 96, a seconda dei criteri con cui vogliamo definirli.

Infatti molti nuovi Paesi si affacciano in questo mercato, avendo capito che, se offrono condizioni fiscali particolarmente vantaggiose, attrarranno enormi capitali, e la pur residua tassazione applicata riempirà le loro casse statali a beneficio di tutti, o perlomeno dei governanti di turno.

_________________
I prossimi capitoli, tempo permettendo, seguiranno nelle prossime settimane, orientativamente uno ogni due settimane…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: