Tracce

Il mio tentativo per ricevere e dare informazioni utili.

Indispensabili – Diario di un Senatore di strada – I COSTI DELLA POLITICA E DELLE CASTE (inizio…)

Posted by giannigirotto su 6 marzo 2015

diario-di-un-senatore-di-stradaElio Lannutti è una persona che parla chiaro, davanti a tutti e senza paura di nessuno. Una persona che al suo primo discorso al Senato si è permesso di dire “Etica ed economia sono due facce della stessa medaglia… l’economia non puà prescindere dall’etica dei comportamenti…” avendo denunciato pochi secondi prima anche la totale sottomissione della politica alle grandi lobbies economiche, in primis i “banchieri che hanno strozzato il Paese“.

Molti di voi lo conoscono senz’altro, essendo lui il Fondatore e Presidente dell’Adusbef (Associazione dei consumatori specializzata in banca e finanza), ma magari non tutti sanno che è stato Senatore, eletto come indipendente nelle liste IdV.  Questo libro racconta appunto la sua esperienza nell’aula di Palazzo Madama.

_________________________________________

I COSTI DELLA POLITICA E DELLE CASTE (inizio…)

La politica costa 23,2 miliardi all’anno, tra funzionamento di organi istituzionali, società pubbliche e consulenze. Sono oltre un milione le persone che vivono alle dipendenze di questo sistema, ma si potrebbero risparmiare almeno 7 miliardi. Angeletti della Uil ha detto “Abbiamo perso un milione di posti di lavoro ma nemmeno un assessore”, presentando il report “I costi della politica” che elenca in 15 pagine le spese, sprechi e numero di persone “stipendiate” dal Palazzo.

Tra i tanti sprechi persino un bonus per gli impiegati che sono passati dalla penna al computer, o per quelli che sono passati dalla posta cartacea alle email elettroniche…

Cambio lira/euro: avrebbe dovuto essere, anziché 1936,27, attorno alle 1300 lire massimo. Il cambio ha portato in un decennio ad una riduzione del potere di acquisto per 11.000 euro a famiglia, totale 265 miliardi che sono finiti nelle tasche di coloro che hanno avuto la possibilità di determinare prezzi e tariffe, al riparo dai controlli delle autorità di settore.

Varie: mi sono occupato del “Collezionista di poltrone” Mastropasqua, del “faraone” Saggese, degli interessi privati degli avvocati di Stato, di molti sprechi interni al Senato, di numerose facilitazioni ingiustificate per i Parlamentari, del trucco contabile utilizzato per far apparire che il Bilancio 2013 del Senato aveva conseguito 20 milioni di risparmi, affiancato in questo dal M5S che denunciò in aula con il proprio questore il trucco utilizzato.

Porcellum: questo sistema ha permesso a 7/8 “capibastone” segretari di Partito di scegliere chi far eleggere. La Corte Costituzionale ne ha dichiarato l’illeggitimità per quanto riguarda il premio di maggioranza assegnato e l’impossibilità per l’elettore di esprimere una preferenza.

Contabilità dei Gruppi: Ho fatto parte della Commissione che ha redatto ed elaborato il regolamento di contabilità, assente in precedenza, per impedire o quantomeno ostacolare la vergognosa pratica, sino ad allora diffusa, di una gestione assolutamente personalistica, “familistica” e clientelare di milioni di euro da parte dei capigruppo.

IdV: eletto come indipendente, fui molto critico, sino a uscire dal mio gruppo, prima perchè non pubblicava il suo stesso bilancio, da me tante volte sollecitato, poi perchè non guardavo in faccia nessuno e feci diverse interrogazioni su miei “colleghi” di Partito, per le quali venni rapidamente isolato.

Autodiachia: lo Stato nello Stato – milioni di euro spesi e nessun controllo, una condizione di autonomia amministrativa e contabile pressochè assoluta. Neppure la Corte dei Conti può mettere becco nei bilanci, sulle spese, sulle retribuzioni di chi vive all’ombra degli organi costituzionali (Camera, Senato, Quirinale, Csm ecc.)

Indennità: oltre allo “stipendio” normale, quasi la metà dei Senatori gode di ulteriori indennità derivate da essere Presidente o segretario di una delle tante Commissioni esistenti. Ho proposto più volte di ridurre tali indennità, una volta sono stato quasi aggredito da Stiffoni, che nel 2013 venne poi condannato per peculato, previo patteggiamento.

_____________________
I prossimi capitoli, tempo permettendo, seguiranno nelle prossime settimane, orientativamente uno ogni due settimane, mentre i precedenti li trovate qui.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: