Tracce

Il mio tentativo per ricevere e dare informazioni utili.

Finanza Etica

Ho già dichiarato cosa “Credo” a livello di Finanza Etica, cui ho dedicato un’intera sezione omonima del mio sito, e ho anche già dedicato un articolo agli “SCEC“, e quindi vi rimando a tali articoli e relativi link per scoprire/approfondire la materia.

Vorrei tuttavia sottolineare che mentre nel caso degli SCEC il “Risparmio” è evidente e diretto (pago una pizza 5 euro anziche 6 o 7), nel caso della finanza Etica qualcuno potrebbe obiettare che questa non è apportatrice di alcun risparmio, anzi, in molti casi i costi sono maggiori rispetto al circuito tradizionale. Questo è certamente vero, ma è altrettanto vero che poi i costi che si devono sostenere per riparare ai danni compiuti dalle speculazioni finanziarie gravano sempre sulle nostre spalle, ancorchè diluiti nel tempo, mascherati sotto una miriade di tasse e tariffe aumentate, e nascosti con mille altre motivazioni.

Mi spiego meglio: se è vero, come è vero, che nel periodo “caldo” della recente crisi finanziaria mondiali, il solo governo USA ha per esempio “elargito” un milione e mezzo di miliardi di vecchie lire (rendono meglio il concetto le lire…), è altrettano vero che questi soldi devono poi tornare nelle casse USA, o perchè restituiti dalla Banche che ne hanno beneficiato, o attraverso le tasse che gravano sull’intera comunità. Sia nell’uno che nell’altro caso banche e/o aziende dovranno aumentare leggermente i prezzi dei loro prodotti/servizi, per poter mettere da parte questa cifra extra da restituire. Ecco quindi che tutti noi paghiamo sotto forma di aumento dei prezzi di tali prodotti/servizi.

Far crescere la finanza etica vuol dire invece ottenere, nel medio/lungo termine, risparmi sul prezzo dei suddetti prodotti/servizi, in quanto la finanza etica non crea speculazioni e relativi danni, ma al contrario fa crescere un’economia “sana” basata su aziende “vere” che investono in vero sviluppo, in tecnologie rispettose dell’ambiente e dei lavoratori, che alimentano un circolo virtuoso di sviluppo sociale e ricchezza

Finanza Etica e microcredito sono inoltre un argine contro il dilagare degli strozzini e delle altre società che erogano prestiti ad un tasso maggiore di quello concesso dalle Banche, banche a cui molto spesso non ci si può più rivolgere perchè protestati o comunque non in possesso delle garanzie e/o referenze richieste.

Per aiutarvi a diventare, non diciamo esperti, ma competenti e abili a decidere, è stato preparato da una serie di autori, tra cui il Presidente di Banca Etica, il “Manuale di Finanza Popolare”, che è TOTALMENTE GRATUITO. Leggetelo, le banche non potranno più prendervi in giro.

Moltissimi altri argomenti per diffidare di Banche / Assicurazioni / Finanziarie in generale le trovate nel libro “Il Risparmio Tradito” di cui metto a disposizione un corposo estratto e che elenca matematicamente (è scritto da un Matematico) i misfatti delle suddette.

Un breve accenno lo vorrei fare anche al “social lending“, cioè quella modalità di erogazione di prestiti che avviene totalmente via internet, con una modalità simile al “peer to peer”, e che in questo caso possiamo denominare “privati per privati”. In questo caso si tratta di società che mettono a disposizione un sito Internet nel quale chi ha disponibilità di capitale lo può versare, e chi ne ha bisogno lo può richiedere in prestito. Il tutto appunto tramite Internet.

Il principale attore mondiale di questo fenomeno è Kiva, di cui vi esorto a leggere la storia ma sopratutto a diventare protagonisti attivi.

I principali attori nazionali in questo senso sono Zopa e Booper. A fronte di alcuni vantaggi vi sono però (forse) alcune ombre, di cui si parla in questo articolo di Altroconsumo. Cercherò di tenervi aggiornati.

Veniamo ora alle Banche del Tempo, un metodo semplicissimo ed eticissimo per risparmiare e far risparmiare: lo scambio di ore di tempo…..vi rimando al mio primo articolo sull argomento…..ed al secondo articolo idem

Altro bel sistema per risparmiare sono i baratti, credo tutti noi li abbiamo fatti almeno una volta, e sicuramente ci saranno molti siti dedicati, io intanto comincio ad elencare quelli che conosco: Zerorelativo, Su e Su e-barty, barattando.


Bookmark and Share Gianni Girotto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: