Tracce

Il mio tentativo per ricevere e dare informazioni utili.

  • visite ricevute

    • 358.398
  • Iscriviti

  • Add to Google

  • Categorie

  • Archivi

Posts Tagged ‘monopoli’

Finanza e Lobbies: binomio indissolubile

Posted by giannigirotto su 22 novembre 2010

Tutti sanno, almeno a grandi linee, cosa è successo nel 2008, in termini di crisi finanziaria/bancaria, con molte banche in gravi difficoltà e che hanno dovuto essere fortemente aiutate con denaro pubblico. Abbiamo sentito parlare di “bolla edilizia”, “titoli drogati”, “derivati”, “hedge fund”, insomma un mucchio di parole e concetti “da esperti” che però significano semplicemente che il mondo della finanza è ben lungi dall’essere sano, regolato, calmierato, etico, sostenibile.

Quello che però moltissimi ignorano è che, a fronte dell’inizio di reazione del mondo politico/istituzionale, e cioè di dare “un giro di vite” in termini restrittivi sulle libertà di fare speculazioni selvagge nel mondo perlopiù virtuale della finanza, gli attori di questo mondo hanno intensificato e moltiplicato i loro rapporti di lobby per impedire tale manovra. In termini concreti dovete sapere che, per quanto riguarda l’Unione Europea, sono le Istituzioni di Bruxelles, dove ha sede il Parlamento Europeo, che studiano e normano sul da farsi, ed è li che, legalmente, possono agire i cosidetti “lobbisti” che per mestiere appunto supportano gli interessi delle aziende che rappresentano.

Ora il problema è che vi sono moltissimi lobbisti che supportano gli interessi delle banche/assicurazioni e il mondo finanziario in generale, mentre ve ne sono pochissimi che tutelano i risparmiatori e i consumatori in generale, come riportato nell’articolo inserito nel numero di ottobre 2010 da Valori“, rivista pubblicata da Banca Etica, le cui immagini sopra (cliccaci sopra per ingrandirle) riportano l’articolo completo.

Ci troviamo pertanto nella paradossale situazione che vi sono molti soggetti che “premono” affinchè la normativa in materia finanziaria rimanga quella che è, in modo da c0nsentire a pochi soggetti di ricavare enormi guadagni, salvo poi in caso di disastri come quello recente, di ricevere enormi aiuti di denaro pubblico, e viceversa pochi soggetti che lavorano per correggere la situazione (e naturalmente i politici italiani sono anche in questo caso buoni ultimi, vedi terza immagine sopra…).

Come sempre per iniziare a cambiare le cose bisogna diffonderle, in modo il grosso pubblico possa iniziare a parlare tra sè per poi fare pressione a livello politico, e quindi spero questo articolo possa essere in qualche modo un punto di partenza.

Vi sono piaciuti questi articoli della rivista “Valori“? Per chi fosse interessato è disponibile online un vasto archivio con tutti gli arretrati (tranne i numeri più recenti)…

Bookmark and Share Gianni Girotto

Posted in Associazionismo, banche, Economia/Finanza, Indispensabili, monopoli, multinazionali, Risparmio, Società/Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , | 1 Comment »

Filiera alimentare (segue): Modello autodistruttivo

Posted by giannigirotto su 13 novembre 2010

Proseguo le considerazioni inserite nel precedente post “Filiera Alimentare: il difetto è la norma“, riportando un ulteriore stralcio dell’articolo inserito nel numero di ottobre 2010 da Valori“, rivista pubblicata da Banca Etica. Le immagini sopra (clicca per ingrandirle) riportano l’articolo completo, di seguito invece gli stralci salienti:

La politica, intesa come meccanismo di distribuzione e il sistema degli incentivi concessi dall’Unione Europea, favorisce i grandi produttori e le catene distributive. Mediante una politica di prezzi bassissimi, scarsa programmazione e speculazione, tende ad alimentare gli sprechi e penalizzare i piccoli e medio/piccoli produttori.

– Il sistema dei sussidi dell’Unione Europea, nato con nobili intenti, è diventato un mostro, con paradossi tipo versare denaro per non coltivare (per esempio 90 miliardi di lire per distruggere l’uva).

Il 60% del valore dei prodotti agricoli va alla GDO (Grande Distribuzione Organizzata), il 23 all’industria di trasformazione, mentre solo il 17% resta al produttore. I prezzi dal produttore al banco del supermercato aumentano mediamente del 600%. (commento mio, questo è il risultato del mancato coordinamento dei produttori/agricoltori, di cui ritengo responsabile la Coldiretti).

Ogni anno rimangono sui campi, perchè non è conveniente raccoglierla, circa 8 milioni di tonnellate di ortofrutta, esattamente quanta ne consumano gli italiani in un anno. Insomma per ogni pomodoro mangiato, uno rimane sui campi a marcire…

– La PAC (Politica Agricola Comune) nata 50 anni fa con il giusto intento di aiutare un’agricoltura che usciva dalla 2° guerra mondiale, si è riformata recentemente, ma ha di fatto fallito il compito di rendere più efficente il mondo agricolo. Si attende proprio per questo mese di novembre un documento che segni l’inizio di (se spera) corpose modifiche alla PAC. Tenete gli orecchi bene aperti!

– Sono circa 60 miliardi di euro (120.000 miliardi di lire) all’anno i fondi che la PAC versa al mondo agricolo, in gran parte come detto alle multinazionali agricolo/alimentari.

– Di fronte a tale desolazione, una delle soluzioni possibili e attualmente funzionanti è quella dei G.A.S. (Gruppi di acquisto solidale), come riportato nel trafiletto nell’ultima pagina dell’articolo, che pagano il giusto prezzo al produttore, e saltando tutti gli intermediari commerciali, riescono spesso ad avere un prezzo per il consumatore inferiore a quello dei supermercati.

Per approfondire:

– Il sito www.farmsubsidy.org riporta il dettaglio di tutti i contributi pubblici concessi, cioè a chi e quanto, nazione per nazione.

____________________________________________________

Per contrastare tali speculazioni è necessario diffondere il più possibile un’informazione corretta, e ricordo a tutti che tramite l’azionariato critico, Banca Etica è in prima linea per fare la sua parte, ma ha bisogno dell’ aiuto concreto di noi tutti. Se volete unirvi visitate il sito di Banca Etica.

Vi è piaciuto questo articolo della rivista “Valori“? Per chi fosse interessato è disponibile online un vasto archivio con tutti gli arretrati (tranne i numeri più recenti)…

Bookmark and Share Gianni Girotto

Posted in Agricoltura, Associazionismo, banche, Economia/Finanza, Infrastrutture, Inganni, Lavoro/Impresa, monopoli, multinazionali, Risparmio, Salute, Società/Politica, Sostenibilità | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

No grazie, pago io!

Posted by giannigirotto su 28 settembre 2010

C’è chi dice no ai “regali” delle Multinazionali Farmaceutiche

GADGET, REGALI, PRANZI GRATIS, FESTE, VIAGGI OMAGGIO in hotel di lusso e località esotiche con la scusa di un convegno medico, interventi pubblici lautamente remunerati. Dura la vita dei medici. Nessuna ironia in questa affermazione: è davvero difficile per un medico rimanere intellettualmente indipendente, valutare correttamente l’efficacia e la reale utilità di un farmaco quando le case farmaceutiche fanno di tutto -anche attraverso la loro capillare rete di responsabili vendite (ipocritamente noti come “informatori farmaceutici”) – per convincere chi dovrà prescrivere i loro medicinali.
Il problema è reale e globale. E tocca da vicino la vita delle persone. Alcuni sanitari però hanno alzato la testa e rifiutato questa logica. Grandi nomi della medicina mondiale si sono esposti denunciando questo stato di cose. Come Drummond Rennie, vice direttore del Journal of thè American Medicai Association: «Vari scienziati sono disponibili, in nome del prestigio, a tagliare, falsificare, plagiare, ingannare, mentire, truffare e buttar via la loro reputazione, semplicemente per produrre più pubblicazioni, avanzare nella loro carriera e, ovviamente, fare soldi». O comeAdriane Fugh-Berman, professore dell’università di Georgetown, che ha ipotizzato il pericolo che «si arrivi a invalidare tutta la letteratura medica, principale fonte del processo decisionale clinico», tanto è pervasivo l’influsso delle corporation nelle pubblicazioni scientifiche.
Dietro di loro, in molti Paesi stanno nascendo movimenti di medici, infermieri e farmacisti che si oppongono allo strapotere delle lobby. In Italia, trecento di loro si sono riuniti nell’associazione “No Grazie Pago lo”: «I confini tra medicina e industria del farmaco stanno scomparendo e i loro ruoli tanto diversi vengono confusi. Scopo dell’industria del farmaco è vendere i propri prodotti per aumentare gli indici di Borsa delle società quotate. Scopo della medicina deve essere invece quello di proteggere la salute delle persone», spiega la pediatra modenese Luisella Grandori, coordinatrice del movimento.
Memore della filosofia “agire locale, pensare globale», il gruppo ha deciso di non accettare regali di alcun genere (nemmeno le penne biro o i block notes) dalle industrie del farmaco né tantomeno finanziamenti per andare ai convegni o per produrre materiale informativo destinato ai colleghi. Ma il loro impegno non si ferma qui. Nelle ricette prescrivere sempre il farmaco generico al posto di quello di marca. E, siccome il grande potere di Big Pharma sta nel controllare l’informazione medica, i “NoGrazie” lavorano per diffondere un nuovo tipo di formazione medica “non sponsorizzata”: «Al posto di lunghi viaggi ed eventi mondani – prosegue Grandori – si possono organizzare lavori in piccoli gruppi, che analizzino i risultati di un farmaco sulla base delle migliori evidenze possibili, valutandone la ricaduta sulla salute dei pazienti e concentrandosi sui problemi incontrati nella pratica quotidiana. È un modo molto più efficace per formarsi e che permette di sganciarsi dall’influenza del mercato».
I sanitari di “No Grazie Pago lo” non sono gli unici a lavorare per un nuovo tipo di rapporto tra medici e case farmaceutiche. Gruppi simili sono nati in molti altri Stati: So Free Lunch a New York e in Gran Bretagna, i No Gracias in Spagna, i Gezonde Scepsis in Olanda, i Mezis in Germania e gli Healthy Skepticism che, nati in Australia, hanno affiliati in tutto il mondo.

Fonte: rivista “Valori“ pubblicata da Banca Etica. E per chi fosse interessato è disponibile online un vasto archivio con tutti gli arretrati (tranne i numeri più recenti)…

Bookmark and Share Gianni Girotto

Posted in Associazionismo, Cooperazione, Etica, Inganni, monopoli, multinazionali, Salute | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Le multinazionali e la crisi: non è un loro problema!

Posted by giannigirotto su 21 settembre 2010

Mentre la crisi continua a mietere vittime tra i lavoratori e le piccole imprese, i grandi gruppi continuano a macinare profitti.

Proseguo ad implementare la mia sezione “Mercato“, riportando alcuni stralci dell’articolo pubblicato sul numero di Settembre 2010 della rivista “Valori“…..

– Sei delle dieci imprese con i maggiori utili appartengono al comparto energetico, stante l’enorme richiesta in continua crescita da Cina e India…

– nel settore automobilistico solo nell’ultimo anno le multinazionali hanno tagliato mezzo milione di posti di lavoro; dal 1999 ad oggi, in Europa e Nord America i dipendenti sono calati del 15% a vantaggio dei Paesi con salari più bassi.

– General Motors e Chrysler hanno ricevuto, a seguito della recente crisi, 84 miliardi di dollari di aiuti pubblici;

– Tra il 1999 e il 2008 in Europa il calo del settore automobilistico è stato del 29%, e si sono persi quasi 100mila posti di lavoro, e nel nord america il calo è stato del 38%.

– Nel corso degli ultimi 12 anni l’Italia è passata dall’essere il maggiore erogatore di aiuti al minore……quando si dice avere le idee chiare…..

Ecco gli approfondimenti….

Per portare maggiore equità a livello locale e globale, è necessario innazitutto diffondere un’informazione corretta, e ricordo a tutti che, anche tramite l’azionariato critico, ma non solo, Banca Etica è in prima linea per fare la sua parte, ma ha bisogno dell’ aiuto concreto di voi tutti. Se volete unirvi visitate il sito di Banca Etica.

Vi sono piaciuti questi articoli della rivista “Valori“? Per chi fosse interessato è disponibile online un vasto archivio con tutti gli arretrati (tranne i numeri più recenti)…

Bookmark and Share Gianni Girotto

Posted in banche, Economia/Finanza, Energia, Inganni, Lavoro/Impresa, monopoli, multinazionali, Povertà, sfruttamento, Sostenibilità | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

Il nucleare conviene? alle banche certamente!

Posted by giannigirotto su 30 agosto 2010

Di seguito riporto alcuni stralci dell’articolo/inchiesta pubblicato nel numero di luglio/agosto della rivista “Valori“, pubblicata dal Gruppo di Banca Etica, e che tratta del rapporto tra gli investimenti necessari per costruire le costosissime centrali nucleari, che rappresentano per gli istituti di credito un affare gigantesco.

– Le Banche francesi sono in primissima fila, con cifre enormi, nel business del finanziamento di tali opere. Sarà quindi un caso che l’italia di Berlusconi abbia stabilito rapporti strettissimi con il governo francese?

– Non esiste una domanda di energia elettrica aggiuntiva tale da giustificare nuovi grandi centrali nucleari (vedi riquadro verdino a sinistra dell’articolo….)

– I costi inizialmente previsti spesso lievitano enormemente, e per le banche questo è meraviglioso.

– Unicredit è altresì impegnata. Ricordo che Unicredit che al 12% della Libia di Gheddafi e al 12% dell’Arabia Saudita. Vedi primo commento su http://www.beppegrillo.it/2010/08/la_bancarotta_della_terra/index.html

Per contrastare lo strapotere delle banche è neccessario diffondere il più possibile un’informazione corretta, e ricordo a tutti che tramite l’azionariato critico, Banca Etica è in prima linea per fare la sua parte, ma ha bisogno dell’ aiuto concreto di noi tutti. Se volete unirvi visitate il sito di Banca Etica.

Vi sono piaciuti questi articoli della rivista “Valori“? Per chi fosse interessato è disponibile online un vasto archivio con tutti gli arretrati (tranne i numeri più recenti)…

Bookmark and Share Gianni Girotto

Posted in Ambiente, banche, Economia/Finanza, Energia, Etica, Infrastrutture, Inganni, monopoli, multinazionali | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | 1 Comment »

Indispensabili – La Deriva – Gli ordini professionali

Posted by giannigirotto su 10 Maggio 2010

Proseguo la lettura di questo testo che consente di passare dalle generiche accuse e lamentele “da bar”, alla presa di conoscenza precisa e puntuale di moltissime disfunzioni tipicamente italiane, tipicamente assurde, frutto della nostra burocrazia e del nostro concetto di Stato come entità fine a sè stessa e dotata di una propria cervellotica intelligenza.

In realtà sappiamo bene che lo Stato siamo noi, e la situazione che ci circonda non è altro il risultato di molteplici intrallazzi e scambi di favori tra le varie “caste” che detengono il potere, e per le quali ogni mezzo è buono per arraffare denaro sotto forma diretta di mazzette/tangenti, o indiretta sotto forma di appalti vinti e commesse aggiudicate, o qualsivoglia altra forma di speculazione.

Cap. 16 E c’è chi vuole l’Albo degli imam

…………L’Unione europea preme perché disbo­schiamo la selva di ordini che già abbiamo così da aprire il mer­cato ai giovani e alla concorrenza internazionale? I nostri poli­tici, dell’una e dell’altra parte, continuano a proporne di nuovi. Tanto che a un certo punto la Fita (Federazione del terziario avanzato) ne contò in lista d’attesa la bellezza di 209: duecento-nove! Tra i quali svettavano quelli dei «pedologi» (specialisti dei piedi: callisti compresi?) e dei «pedologi» (specialisti, spie­ga il De Mauro, nello «studio sistematico dello sviluppo fisico, ‘ psicologico e sociale del fanciullo»), dei «risk manager» (i «ge­stori del rischio aziendale») e dei fotografi, dei venditori di fuo­chi artificiali e dei massaggiatori shiatsu.

È dal 1980 che questo o quel governo tenta di riformare gli ordini. Inutilmente. Guai a toccarli: graffiano come gatti selva­tici…………..

viceversa «Le barriere di accesso di molte professioni hanno in Italia un carattere medievale» denunciò qualche anno fa, dopo l’ennesimo fallimento di una riforma, il presidente dell’Antitrust Giuseppe Tesauro. Il suo successore Antonio Catricalà, nella relazione al Parlamento, conferma: «In Italia esiste una regolamentazione, in molti casi sproporzionata-che attribuisce ingiustificati privilegi ai professionisti»…….

Qualche anno fa ricorderete che Bersani aveva provato a liberalizzare, abolendo per esempio per gli avvocati il tariffario minimo e il divieto di pubblicità…….nulla da fare, l’Ordine ha dato battaglia su tutti i fronti, e i limiti fatti uscire dalla porta sono rientrati dalla finestra più rafforzati di prima…..Ma quale mistero si nasconde dietro questa formidabile capacità degli ordini di resistere a ogni riforma? Macché mistero, rispondeva l’economista Francesco Giavazzi, è tutto semplicissimo: «I professionisti iscritti ad albi rappresentano il 31,4% dei parlamentari italiani, contro il 16,4% del Parlamento di Londra. Tra i parlamentari della Casa delle libertà essi rappresentano il 41 %, contro il 15 % dei parlamentari conservatori al tempo della signora Thatcher». C’è da sorprendersi se va sempre tutto a monte? Affatto: il Parlamento è infestato dagli avvocati e non ha nessuna voglia di cambiare» accusa Ivone Cacciavillani, che di mestiere fa l’awocato ma si rifiuta di difendere l’indifendibile: «In Italia » tra ordini, collegi e albi siamo a quota 72, una cosa incredibile, da Medioevo. Sono corporazioni organizzate per salvaguardare gli iscritti e non certo i cittadini. Corporazioni dove vige il di­ritto dell’Arca di Noè». Cioè? «Si fa una fatica bestiale per entrarci, ma una volta dentro si naviga tranquilli: un iscritto se non mangia i bambini o non attenta all’integrità della Repub­blica, resta iscritto a vita. Anche quando si trova in uno stato di palese analfabetismo di ritorno.»…….

…….Guai a chi li tocca perché gli interessi che ruotano intorno agli ordini sono tantis­simi. E pesano. Basti ricordare un convegno del 2004 a Napoli dove il Cup (Coordinamento unitario delle libere professioni) sbattè in fac­cia ai politici tentati dall’idea di qualche riforma un po’ di nu­meri: «Rappresentiamo una massa di 3 milioni e 590.000 perso­ne». Alias elettori, scrisse il «Corriere». Cioè 1.690.000 iscritti agli albi, 900.000 praticanti e un milione di dipendenti degli studi professionali. Avviso: chi ci tocca perde le elezioni. Da allora questi numeri (i quali nel caso dei progettisti so­no otto volte più alti che in Francia o in Gran Bretagna) sono addirittura cresciuti. Dice il rapporto Censis del 2007 che gli appartenenti agli ordini e ai collegi professionali, già raddop­piati tra il 1985 e il 2005, sono saliti a un milione e 90.000. Dei quali 377.000 medici e dentisti, 178.000 avvocati, 198.000 inge­gneri, 128.000 architetti, 101.000 geometri… Ai quali vanno sommati i praticanti, i dipendenti, i familiari… E chi le vince, le elezioni, contro un tale esercito?…….

il capitolo prosegue con i privilegi e le malefatte corporativistiche dell’Ordine dei Notai e dell’Ordine degli Architetti, entrambi chiusi a riccio a difesa dei loro enormi interessi economici….e poi ci sono le pesantissime collusioni con la criminalità, la mafia…..

Nino Amadore, del «Sole 24 Ore», ha dedicato un libro a queste vicende. Si intitola La zona grigia. Professionisti al servi­zio della mafia e ricostruisce le ambiguità e i silenzi dei vari or­dini nei confronti degli associati coinvolti in faccende di mafia, camorra, ‘ndrangheta. Colletti bianchi che, a sentire il presi­dente di Cassazione Gaetano Nicastro, sono indispensabili ai criminali: «Cosa Nostra gode purtroppo di una vasta rete di fiancheggiatori nell’ambito di una certa borghesia mafìosa, fat­ta di tecnici, di professionisti, di imprenditori, di esponenti po­litici e della burocrazia». Come potrebbero certi padrini potentissimi ma semia­nalfabeti investire nell’edilizia in Lussemburgo, nell’acquisto di un pacchetto azionario alle Cayman o nell’acquisto di 12 miliardi di metri cubi di gas dall’azienda ucraina Revne per «un valore di mercato di 3 miliardi di euro» senza «un’accor­ta analisi fatta da gente preparata, che conosce i mercati»? Come potrebbero appropriarsi degli appalti pubblici senza la complicità di architetti, ingegneri, commercialisti, funzionari regionali e comunali ben decisi a regolarsi sul loro lavo­ro come le tre scimmiette che non vedono, non sentono, non parlano?

e quando comunque un iscritto all’ordine compie un illecito, sentenziato in via definitiva da un tribunale ???…una sentenza della Corte costituzionale del ’99, nel delirio ipergarantista di questi anni, ha stabilito che «le sanzioni destitutive, sia nel campo del pubblico impiego che in quello delle professioni inquadrate in ordini professionali, non siano disposte in modo automatico dalla legge, ma siano irrogate solo a seguito di un procedimento disciplinare che consenta di adeguare la  sanzione al caso concreto». Traduzione: neppure una condanna in via definitiva può essere automaticamente riversata in una punizione. Gli ordini devono decidere volta per volta. Con un proces­so disciplinare loro. E come un ordine decida di trattare un suo iscritto ve lo lascio immaginare, anche se leggendo gli esempi che il capitolo propone si va oltre ogni fantasia…..leggere per stentare a credere…

se ti piace condividi su Facebook e/o altri siti cliccando qui a destra Bookmark and Share  Gianni Girotto


Posted in Inganni, Lavoro/Impresa, monopoli, Società/Politica | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

ADSL in zone scoperte – terzo articolo

Posted by giannigirotto su 13 aprile 2010

Poichè ritengo l’accesso ad Internet (a banda larga, cioè ad alta velocità, s’intende) un presupposto fondamentale di liberta, democrazia e sviluppo, continuo e continuerò sempre a divulgare notizie di sviluppi tecnici/pratici in tal senso, come ho fatto nel primo e secondo articolo.

In questo caso siamo di fronte ad uno di quei piccoli ma geniali uova di Colombo che molto spesso i tecnici italiani riescono ad estrarre dal cilindro.  Si tratta infatti di portare il segnale in zone che ne sono scoperte, usando delle antenne paraboliche che si “guardano” otticamente, cioè trasmettono da punto a punto. In questo modo il segnale viene trasmesso, tramite una parabola “trasmittente”, in una zona ancora non raggiunta dalla banda larga, mediante l’installazione della parabola “ricevente”, e poi da qui si possono usare tutte le “normali” tecnologie già standardizzate per diffondere il segnale localmente.

Schema funzionamento

Schema funzionamento

Una banalità insomma, proprio un uovo di Colombo, a bassissimo costo peraltro, pensato e realizzato da Mr. Wireless, l’affettuoso soprannome dato a Daniele Trinchero, e dai suoi collaboratori dell’iXem del Politecnico di Torino, ma che ha già permesso di ottenere importanti e lusinghieri risultati, come quello di portare Internet dapprima in uno “sperduto” comune montano Italiano, quindi in un villaggio amazzonico in Ecuador, e sperabilmente a breve, nel martoriato e disperato Darfur. Qui l’intera storia…

Chissà perchè la grandi compagnie non ci avevano ancora pensato?…..forse per vendere le loro soluzioni ben più complesse e costose, forse per non minacciare il loro oligopolio …….. noooo cosa andate a pensare……malfidenti….!!!

Bookmark and Share Gianni Girotto

Posted in educazione, ITC, monopoli, Povertà, Risparmio | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

La terra degli Gnu (Ognuno per sè e Dio per tutti)

Posted by giannigirotto su 22 marzo 2010

E’ da sempre che volevo scrivere un articolo identico! Ringrazio pertanto Mimmo Guarino che è riuscito a scriverlo come e meglio di quanto avrei fatto  io!

E’ superfluo pertanto che io dica che sono d’accordo al 101%, e che le mie iscrizioni a diverse Associazioni sono il mio tentativo e il mio contributo a favore degli “GnUmani”.

Quindi grazie ancora Mimmo, vi invito tutti a leggere questo bellissimo articolo cliccando o sulla foto a fianco o sul nome dell’autore….

Bookmark and Share Gianni Girotto

Posted in Associazionismo, Cooperazione, Crisi umanitarie, Donne, Economia/Finanza, Etica, Giustizia, Inganni, monopoli, multinazionali, Povertà, psicologia, Schiavitù, sfruttamento, Società/Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Indispensabili: “Economia Canaglia” – 7° e 8° Capitolo

Posted by giannigirotto su 25 febbraio 2010

Sinora nella mia sezione “Indispensabili” ho inserito i collegamenti a dei file con gli estratti dei libri che volevo segnalare. Ora con questo libro, di Loretta Napoleoni, per il quale la ringrazio pubblicamente, ho cambiato approccio.

In questo caso infatti inserisco un capitolo alla volta, sempre sotto forma di estratto, ma direttamente leggibile.

Inutile dire che considero questo libro veramente “indispensabile”, perchè chiude il cerchio fra la liberalizzazione del mercato globale e il crescente peggioramento della condizione socioeconomica di enormi strati della popolazione, in particolare la cosidetta “classe media”. In questi due capitoli la conferma che non esiste una volontà politica precisa e coordinata a livello internazionale per far crescere lo sviluppo, mentre esiste una criminalità precisa e coordinata a livello internazionale per lucrare in ogni maniera possibile, ovviamente molto spesso connivente se non totale padrone della politica locale.

Capitolo 7 – Alta tecnologia: una mezza fortuna?

Il primo paragrafo spiega come esiste una fiorente economia clandestina che fattura circa 10 miliardi di dollari l’anno, basata sull’offerta di “aiuti virtuali” per gli appassionati di videogames, fra i quali molti raggiungono livelli tossici di dipendenza (come i fanatici del gioco d’azzardo), e pur di poter continuare a procedere nel gioco sono disposti a pagare denaro reale per ricevere appunto degli aiuti “digitali” per il loro videogioco.

A lato di cià vi è il mercato illegale di vendita di videogiochi non originali, insomma piratati, e qui si stimano 17 miliardi di dollari all’anno.

Ma il business più grande è quello delle “monete elettroniche”, cioè denaro virtuale che viene usato per poter giocare nei casinò online, per poter scommettere online, per poter acquistare beni e servizi, e per poter evadere le tasse, trasferendo i propri conti all’estero…..Mentre internet continua a crescere grazie alle opportunità offerte dall’eCommerce, saranno sempre di più gli individui liberi che useranno l’eCommerce per accedere a un’economia libera dalle restrizioni imposte dai governi. Se il vostro domicilio è alle Bermuda, l’azienda ad Antigua, il server per il servizio commerciale a Panama e le spedizioni partono dalla Repubblica Dominicana, chi tasseranno?…

…..Le leggi del mondo reale non hanno alcun significato nel cyberspazio, visto che non possono essere applicate. La territorialità resta fondamentale nel mondo reale perché stabilisce i confini della giurisdizione legale. Ma, per definizione, il cyberspazio non conosce confini fisici e sfida ogni frontiera. Pur esistendo e operando nel mondo reale, i server si sottraggono alla legge ubicandosi nei paradisi fiscali. Operando ai margini della legalità, gli imprenditori canaglia delle dotcom (le aziende elettroniche) come Smooth Criminal e i magnati del gioco d’azzardo online costituiscono la nuova tribù dei gangster del mercato globale. Eppure, attribuire il loro successo unicamente alla nuova tecnologia e ai server dei paradisi fiscali non è sufficiente per spiegare i motivi della loro spetta colare ascesa verso la ricchezza…..

Segue la descrizione di “Second Life”, il celebre mondo virtuale presente su Internet, e che vive una propria vita economica che in qualsiasi momento può diventare reale, dal momento che il denaro virtuale è sempre convertibile in dollari.

A parte quest’ultimo caso, se si parla di gioco d’azzardo, pirateria, scommesse e pornografia, è chiaro come la criminalità organizzata abbia trovato in Internet uno smisurato moltiplicatore di opportunità e di clientela. E al momento la legislazione e la politica internazionale non hanno dato risposte efficaci. C’è da chiedersi seriamente se lo vogliano……

Capitolo 8 – Anarchia sui mari.

Un terzo del pesce consumato in Gran Bretagna proviene dalla pesca di frodo del mar Baltico e del Mare del Nord. All’inizio del 2007 la guardia costiera norvegese lancia l’allarme: nelle acque di sua competenza la pesca di frodo sta crescendo a un ritmo del 30 per cento l’anno……Il racket del pesce del Baltico e del Mare del Nord è gestito dalla mafia russa….

…Il bottino viene trasbordato in alto navi che battono bandiere di comodo….Le bandiere «di copertura» sono numerose e te accessibili. Molti paesi sono disposti a fornire ai predatori la registrazione necessaria, cioè una copertura legittima, a tariffe che variano tra le poche centinaia e le decine di migliaia di dollari….il problema della pesca di frodo è serio. La Fao ha calcolato che il 75 per cento delle riserve mondiali di pesce sono già sfruttate al massimo o addirittura in eccesso, e alcune sono anche in via di estinzione….In assenza di interventi concreti da parte dei governi, organizzazioni non governative come il Wwf e Greenpeace cercano di convincere le grosse aziende alimentari, tra cui Unilever, Young’s Blue Fresh, Findus e le catene di supermercati britanniche, a boicottare il pesce che arriva nei porti del Regno Unito finché non c’è prova della sua origine legale.

Nell’anarchia del mare aperto, però, nessuno è in grado di far rispettare le leggi. Pattugliare i mari è economicamente proibitivo e tutto sommato costituisce un intralcio per il commercio……..

…ed è ovvio che la malavita sguazza letteralmente in questo settore, con un giro una stima del volume totale della pesca di frodo che va dai 2 ai 15 miliardi di dollari……Fino alla fine della Guerra fredda, però, ogni paese pescava nelle sue acque territoriali. La pesca di frodo a livello industriale nasce con il crollo del Blocco sovietico, quando la criminalità organizzata si impossessa della flotta mercantile dell’Urss. La Cina segue a ruota.

Logica consegenza della pesca di frodo è che, essendoci più offerta,  il prezzo del pesce diminuisce, e quindi i pescatori onesti si trovano nella situazione di non riuscire a mantenere la propria impresa poichè i ricavi sono troppo bassi. E così devono iniziare a pescare di frodo anche loro, per poter avere più pesce da  vendere ……..altro effetto collaterale è che talune specie sono diventate molto rare e quindi molto costose…«La pesca del tonno blu nel Mediterraneo, per esempio, è stata talmente abbondante che ora il pesce è rarissimo e prezioso. Ecco il motivo per cui chi pesca di frodo si può arricchire»

Ovviamente la stragrande maggioranza della “manodopera” impiegata nei peschereggi e negli altri lavori accessori proviene da Paesi poveri, e viene sfruttata in maniera assolutamente schiavistica. Spesso  a queste persone viene tolto il passaporto per impedirgli di abbandonare la nave, e le condizioni di lavoro sono durissime e miserabili….

I tre principali mercati mondiali del pesce sono Giappone, Corea del Sud e Cina. Ma la domanda cinese è in crescita. Una crescita vorace.

…..In qualsiasi momento, almeno il 50 per cento dei pescherecci al largo della costa dell’Africa occidentale è impegnato in una qualche forma di pirateria. Greenpeace sostiene che i pirati del pesce operano anche entro il limite delle dodici miglia nautiche riservato ai pescatori locali. E spesso le principali vittime della pesca di frodo sono proprio le popolazioni locali che vivono dei prodotti del mare. In Africa occidentale, migliaia di famiglie non hanno altri mezzi di sussistenza. È diffìcile stimare l’impatto economico della pirateria ittica sui paesi poveri, specie nelle zone in cui esistono pochi meccanismi di controllo e sorveglianza. Tuttavia, secondo i dati della Mrag, una società di consulenza impegnata nella promozione dell’uso sostenibile delle risorse naturali, l’Africa subsahariana perde circa un miliardo di dollari l’anno a causa della pesca di frodo. E sono i pirati cinesi quelli che intascano la maggior parte del bottino….Gli investigatori rimangono spiazzati di fronte all’esistenza di consorzi di pirati moderni del tutto simili a multinazionali, con filiali e dipendenti in tutta la regione. Stando agli esperti, al furto del Tenyu parteciparono pianificatori sudco-reani, criminali indonesiani, manodopera portuale birmana e operatori del mercato nero cinese, nonché una sfilza di complici in Cina, tutti parte di una rete che le autorità non hanno ancora del tutto scoperto.

Spesso i pirati lavorano direttamente con compagnie regolari che operano in paesi dove la lotta alla pirateria non esiste. La Cina appartiene a questo gruppo, ma i paesi europei sono altrettanto indifferenti a punire la pesca eccessiva, che è comunque una forma di pirateria…….

L’altro enorme drammatico capitolo è quello dei rifiuti tossici. La malavita offre i propri servizi per permettere ai paesi ricchi di sbarazzarsi dei propri rifiuti tossici, o trasportandoli nei paesi poveri, o più semplicemente ancora riversandoli direttamente in mare, che, insieme all’Africa è diventato la più grande discarica abusiva del mondo. Le conseguenze sono e saranno tremende, dal momento che tali elementi tossici sono già entrati pervasivamente nella catena alimentare, causando patologie estremamente gravi. In questo settore l’ignavia quando non la connivenza tra la politica e la malavita è a livelli spaventosi.  Anzi, alcuni recenti disastri ambientali hanno portato anzichè ad un inasprimento della severità legislativa, ad un suo indebolimento, ed oggi …..Le compagnie di navigazione non sono più costrette a rendere noto il nome dei noleggiatori. Dopo la tragedia della Exxon Valdez la legislazione internazionale è stata modificata e da allora i veri responsabili dei principali disastri ecologici causati dalle petroliere sono rimasti anonimi….

Altro enorme problema sono gli allevamenti di pesce. Come peraltro avviene in tutti gli allevamenti, per combattere le malattie a tutti gli individui vengono somministrate dose elevati di antibiotici, e questo determina una selezione naturale dei ceppi batterici più resistenti, cosa che comporta e comporterà una sempre maggiore inefficacia degli antibiotici. Sempre gli allevamenti intensivi causano poi altri grossi problemi, che sinora non hanno destato però l’interesse della politica ne tantomeno della società in generale troppo concentrata sull’avere cibo a (apparente) basso prezzo .

Infine, lungi dall’essere preoccupati per gli sconvoglimenti climatici previsti e già in corso, in particolare lo scioglimento dei ghiacci, migliaia di imprese più o meno lecite si stanno preparando per approffittarne, dal momento che il ritirarsi dei ghiacci aprirà nuove rotte mercantili molto redditizie e renderà abitabili e fertili immensi territori sino a questo momento ghiacciati. Anche in questi casi, le cifre d’affari in gioco sono enormi……

Ormai ci è chiaro: il caos che domina i mari porta la firma dell’economia canaglia e assomiglia all’anarchia dei mondi sintetici descritti nel capitolo precedente. Navigare il web e solcare i mari in fondo sono attività simili. Entrambe in mano ai gangster della globalizzazione che hanno trasformato il cyberspazio e le acque in ambienti anarchici. Sfruttando le straordinarie opportunità dell’economia canaglia, gli imprenditori delle dotcom e i moderni pirati si arricchiscono all’ombra di politiche e stati sempre più deboli. L’attività dotcom inquina la mente, la pirateria il pianeta. Né gli individui, né i gruppi di pressione, né le organizzazioni non governative e neppure le Nazioni Unite hanno la forza necessaria per combattere l’inquinamento. Per salvare il pianeta dai grandi cambiamenti climatici servono una volontà e una determinazione politica che finora nessuno ha dimostrato di avere. Il potere delle multinazionali e delle grosse compagnie non è l’unica causa di questa inerzia, anzi, spesso queste società sono vittime al pari dei consumatori. L’incapacità dello stato-mercato di misurarsi con questioni chiave come l’ambiente è alla radice dell’atteggiamento ottuso e indifferente dei governi moderni nei confronti dell’economia canaglia…Gianni Girotto

Posted in Etica, Giustizia, Indispensabili, Inganni, ITC, Lavoro/Impresa, Malavita, monopoli, multinazionali, Società/Politica | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Indispensabili: Muhammad Yunus – Un Mondo senza povertà

Posted by giannigirotto su 24 febbraio 2010

Sono molto felice di mettere a disposizione, nella mia sezione “Indispensabili“, un estratto di questo libro del premio nobel per la pace Muhammad Yunus. Di lui in persona ho già detto, e l’ho inserito nella mia sezione “Modelli“: è un mito, una persona illuminata, intelligente, coraggiosa, pragmatica, e non si limita a parlare ma fa, fa , e fa moltissimo….

E’ inutile che ripeta quanto hanno già detto benissimo altri quando il libro è uscito, mi limito quindi a fornirvi il collegamento all’ ottimo articolo di Japoco Fo.

A quanto scritto da quest’ultimo, mi limito ad aggiungere questo ragionamento: una delle fondamentali iniziative che propone Yunus, è l'”impresa sociale”. Questa può essere una società che funziona come una qualsiasi altra impresa “capitalistica”, ma con la fondamentale differenza che non mira a fare profitto ma semplicemente ad autosostentarsi coprendo i propri costi, e detenuta da un ristretto numero di proprietari. Oppure può essere una società che mira al profitto, però i cui proprietari sono la massa della popolazione povera, cioè un azionariato estremamente diffuso appunto tra le classi meno abbienti, in questo modo gli utili verranno distribuiti appunto tra i poveri che avranno l’opportunità di migliorare la loro condizione.

Ebbene una forma che assomiglia abbastanza, a mio avviso, all'”impresa sociale” è quella che già oggi Banca Etica propone con il suo “azionariato critico”. Rimandandovi all’articolo specifico in cui ne parlo, in pratica già oggi chi ha qualche soldino da investire, lo può fare tramite gli appositi fondi di Banca Etica che per l’appunto acquistano anche azioni. E questa azioni o sono relative ad aziende “etiche” che operano nel rispetto dell’ambiente e dei lavoratori, oppure aziende che etiche non sono, e le cui azioni vengono acquistate proprio per esercitare il diritto di voto connesso alla titolarità delle stesse, secondo i principi e la filosofia propria di Banca Etica.

Mi sembra che in entrambi i casi ci si avvicini abbastanza al concetto di “impresa sociale”, nell’attesa di vedere veramente tante realtà del genere prosperare…….

In ogni caso il consiglio è quello di leggere l’estratto del libro, e si vi appassiona, fate un salto in biblioteca per prenderlo in prestito…….

Bookmark and Share Gianni Girotto

Posted in Agisci, Associazionismo, banche, Cooperazione, Crisi umanitarie, Donne, Economia/Finanza, educazione, Energia, Etica, Indispensabili, Lavoro/Impresa, monopoli, multinazionali, Schiavitù, sfruttamento, Società/Politica, Sostenibilità, Tecnologia utile | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »